Salsiccia Matta, la specialità di Capodanno

Tra i piatti tradizionali delle festività natalizie spicca a Senigallia la "Salsiccia Matta" nata per insaporire il brodo di Natale è utilizzata a Capodanno anche per sostituire il cotechino nella lenticchia

Salsiccia Matta

SENIGALLIA- Salsiccia matta, il prodotto tipico della spiaggia di velluto in questo periodo. Ma basta spostarsi nelle frazioni per perderne le tracce. Una ricetta tramandata di generazione in generazione: la sua diffusione risale al 1800. I primi a commerciarlo furono i macellai presenti sotto gli archi del Foro Annonario, ma la vendita veniva riservata, allora come oggi, solo per le festività natalizie.

Tra gli ingredienti ci sono magro di vitellone di coscia, magro di maiale di coscia, lardello di maiale sale e pepe. Per diventare “matta”, la salsiccia viene sottoposta ad un procedimento di affumicatura, un lungo lavoro che fa impazzire chi la produce e sarebbe proprio questo il motivo a cui nasce l’appellativo di “Salsiccia matta”.

Nata per insaporire il brodo del pranzo di Natale, negli anni è diventata anche l’elemento irrinunciabile del cenone di Capodanno: da molti viene utilizzata al posto del cotechino per dare un gusto diverso alle lenticchie. Difficile trovarla in vendita, la “Salsiccia matta” va prenotata con largo anticipo.

A sceglierla era stato nel 2012 anche Gianfranco Vissani che aveva trasmesso in diretta tv su La7, la ricetta della “Salsiccia Matta”, prodotto tipico senigalliese delle festività natalizie.