Nuovo blitz all’Ospedale di Senigallia

Ieri mattina i consiglieri di Unione Civica sono tornati nel reparto di cardiologia del nosocomio per portare la loro solidarietà al primario che si era esposto contro lo smantellamento attraverso una lettera

Ospedale di Senigallia

SENIGALLIA- È stato effettuato ieri mattina, lunedì 21 agosto, un nuovo blitz nel reparto di cardiologia dell’Ospedale di Senigallia, dove i consiglieri di Unione Civica Roberto Paradisi e Luigi Rebecchini, insieme al coordinatore provinciale di Forza Italia Daniele Belardinelli, ed il consigliere regionale Jessica Marcozzi hanno incontrato il primario di cardiologia, dottor Giovanni Mariani che aveva esternato in una lettera le sue perplessità sul futuro dell’Ospedale e dello stesso reparto di cardiologia.

Un incontro che si è svolto senza la presenza della stampa. «Il primo settembre la Uitc sarà ancora funzionante, ma in reparto vi è un grande disorientamento – spiega Roberto Paradisi – Insieme al coordinatore provinciale di Forza Italia Belardinelli e al consigliere regionale Marcozzi abbiamo portato vicinanza al primario di cardiologia dott. Marini che, dopo la dura lettera inviata ai vertici regionali sanitari, è suo malgrado diventato il simbolo più forte della difesa del nostro ospedale. Una difesa “tecnica” e culturale al di là di ogni appartenenza politica che fa onore ad un primario dalla schiena dritta che ha dimostrato coraggio e determinazione. Il dott. Marini, lontano dai giornalisti, ci ha assicurato che, a questo punto, la Utic resterà funzionante in attesa dei prossimi tavoli tecnici ma che il futuro è appeso ad un filo. Abbiamo concordato sul fatto che smantellare la struttura senigalliese sarebbe un errore strategico e geografico e abbiamo assicurato il nostro impegno ad unire tutte le forze politiche, senza distinzione di colore, per difendere il bene comune».