Natale, i consigli del fiorista delle star

Il 51enne fiorista di Belvedere Ostrense spiega come addobbare un albero di Natale, ma anche quali fiori utilizzare durante le festività. Ma il regalo più prezioso, dice, resta sempre un sorriso

Ercole Moroni
Ercole Moroni

SENIGALLIA- Mancano poche ore alla cena di Natale, meglio una bottiglia di vino o un mazzo di fiori? A dare consigli è Ercole Moroni, il “fiorista delle star”. Classe 1966, Ercole Moroni vive a Londra, ma torna spesso nelle Marche, a Belvedere Ostrense dove svolge corsi indirizzati a chi desidera imparare a formare una decorazione di fiori, ma anche a quanti per lavoro o per curiosità necessitano di consigli preziosi.

Per questo Natale nessuna tendenza: il segreto, dice, è quello di affidarsi alla propria ispirazione, ma sempre attenendosi a fiori stagionali.

«Io rimango nel mio stupendo mondo, quello senza limiti, e preferisco fare come un ottimo sarto su misura, tenendo conto di luogo, personalità, durata e budget, oggi più che mai importante – spiega Moroni – Utilizzare sempre fiori di stagione, quindi bacche, pigne, amarilis, ilex, ciclamini, euphorbia, stella di natale, elleboro, aranci e spezie. Niente plastica, ricordandosi sempre che Natale è anche profumo».

Non mancano i consigli per addobbare l’albero: «Se avete bambini, riempitelo di palline colorate – prosegue –. Se invece avete un’azienda, il mio consiglio è sempre quello di restare sul classico utilizzando il rosso. Opterei invece per addobbi in vetro sul moderno ed in legno sull’antico – spiega – E se si è invitati a cena, meglio un mazzo di fiori che un vino che non si abbina con il menù. La cosa più importante, è regalare un fiore con il cuore e un gran sorriso – conclude –. È importante fermarsi un attimo per guardarci intorno e vedere i veri miracoli che ci circondano ogni giorno».