In auto scarpe e vestiti. Denunciati in due

Due uomini di origine rumena sono stati individuati dagli uomini del Commissariato che li avevano pizzicati aggirarsi nei pressi del centro commerciale del Cesano su un mezzo di grossa cilindrata

Volante in servizio notturno (Foto: Polizia di Stato)

SENIGALLIA – Denunciati due uomini di origine rumena e sequestrato diverso materiale da parte del personale del Commissariato di Polizia.

Vedendo un veicolo di grossa cilindrata aggirarsi nei pressi del centro commerciale del Cesano, gli agenti si sono insospettiti intimando l’alt al conducente. Dopo un primo accenno di fuga i due uomini hanno arrestato la marcia. Ai poliziotti avrebbero riferito di essere in transito verso il nord Italia, ma un più approfondito controllo ha svelato altro, sui due uomini: su entrambi, domiciliati a Foggia, gravano numerosi precedenti per reati contro il patrimonio in particolare presso abitazioni e esercizi commerciali.

I due sono stati così condotti in Commissariato per ulteriori verifiche. Nel corso degli accertamenti è emerso che, all’ interno del veicolo vi erano pinze, torce, guanti da lavoro, tronchesi ed altri utensili normalmente utilizzati per l’effrazione del sistema anti taccheggio dei negozi.

I due sono stati trovati in possesso di una borsa con all’interno una schermatura in alluminio utilizzata per nascondere la merce ed evitare che venga rilevata dai sistemi di controllo.

Nel baule, infine, sono state rinvenute decine di capi di abbigliamento, scarpe nuove e diversi oggetti elettronici dei quali i soggetti non indicavano la provenienza.
Tenuto conto dei precedenti dei due uomini e della quantità di materiale ed abbigliamento rintracciato, del cui possesso gli stessi non hanno fornito alcuna spiegazione, i poliziotti hanno sequestrato tutta la merce e  gli utensili.

Nei confronti degli stessi si è proceduto al deferimento all’autorità giudiziaria per i reati di ricettazione e possesso di arnesi atti allo scasso. Considerata la pericolosità ed i precedenti delle due persone denunciate, gli agenti hanno avviato le procedure per l’emissione del divieto di ritorno nel comune di Senigallia per tre anni