Grida in preda ai fumi dell’alcol poi minaccia di gettarsi nel fiume

L'intervento è avvenuto questa notte alle 3 in via Perilli, nei pressi del Foro: gli agenti sono riusciti a bloccarla prima che potesse farsi del male

SENIGALLIA – In preda ai fumi dell’alcol crea il caos e poi minaccia di gettarsi nel fiume Misa. È quanto accaduto intorno alle ore 3 di questa notte, quando la volante del Commissariato di Polizia è intervenuta in via Perilli, nei pressi del Foro annonario, perché una donna gridava e chiedeva aiuto.

Già nota agli agenti per l’abuso di alcol e perché affetta da problemi psichiatrici, la donna ha allontanato gli agenti scagliando loro addosso la sua borsa per poi fuggire verso il fiume e salire sul parapetto.

Alle reiterate minacce di gettarsi in acqua, gli agenti hanno risposto prima chiamando il 118 e poi cercando di instaurare un dialogo con la donna, una 40enne di Senigallia. Avvicinandosi con calma uno degli agenti è riuscito a cogliere l’attimo giusto per bloccarla prima che potesse mettere in atto le sue minacce con gesti autolesionistici. Calci e pugni non son bastati per divincolarsi: è stata trattenuta fino all’arrivo dell’ambulanza per il trasporto in ospedale e le prime cure del caso.