Tassa sui rifiuti, buone notizie dalla valle del Musone

L’Amministrazione comunale di Loreto ha approvato in questi giorni il bilancio di previsione dove sono stati adottati provvedimenti significativi tra cui proprio la riduzione della tariffa sulla nettezza urbana. Osimo si dirige verso la tariffa puntuale

LORETO e OSIMO – Ci sono novità in Valmusone per quanto riguarda la Tari. L’Amministrazione comunale di Loreto ha approvato in questi giorni il bilancio di previsione dove sono stati adottati provvedimenti significativi tra cui proprio la riduzione della tariffa sulla nettezza urbana. «Se consideriamo una famiglia media con un nucleo familiare di quattro persone e un appartamento di 120 metri quadri, la Tari passa dai 323 euro del 2017, ai 311 del 2018 fino ai 289 del 2019», spiega il sindaco Paolo Niccoletti. Lo stesso beneficio, in merito alla tariffa di nettezza urbana, investe le imprese. Previsto anche il sostegno a servizi essenziali come ad esempio gli asili nido: «A fronte di costi complessivi per circa 300mila euro prevediamo entrate per 100mila con un grado di copertura delle rette pagate dagli utenti del 33 per cento».

Il nuovo anno riserva grandi novità per Osimo in tema di rifiuti: «Andiamo verso la tariffa puntuale – afferma l’assessore all’Ambiente Michela Glorio -. Partiremo nel 2019 dal centro storico acquistando gli ecobox che attraverso il codice fiscale riconosceranno la persona che conferisce. Una fase di sperimentazione per capire quanto rifiuto indifferenziato produce ciascun nucleo. Nel 2020 sarà estesa a tutti i box che sono già predisposti per il chip e nel 2021 la città sarà pronta a partire. Tutto questo per diminuire la Tari, già scesa nel 2018 del 2,63 per cento».