Incendi, doppio allarme a Castelfidardo e Loreto

Al lavoro oggi pomeriggio, 8 marzo, due squadre dei vigili del fuoco da Osimo e Macerata per due roghi divampati in contemporanea, uno con lo scoppio di tre bombole gpl

L'intervento a Castelfidardo
L'intervento a Castelfidardo

CASTELFIDARDO e LORETO – A sirene spiegate si sono precipitati in via Olivetti, al civico 4, nella zona industriale di Castelfidardo al Cerretano, i vigili del fuoco del distaccamento di Osimo per un grosso incendio verso le 15 di oggi, 8 marzo. Ad andare a fuoco il filtro della macchina saldatrice situato all’esterno di una fabbrica produttrice di macchine utensili. Coinvolti un pallet e alcuni bancali andati completamente a fuoco. Fortunatamente l’azienda non ha subito danni all’interno. A dare l’allarme sono stati gli stessi operai che hanno visto il rogo e la lunga colonna di fumo alzarsi verso l’alto.
Contemporaneamente l’allarme incendio suonava anche in via Turati, in zona Squartabue tra Loreto e Recanati, dove si è portata la squadra dei vigili del fuoco di Macerata. L’incendio importante ha interessato un capanno adibito a rimessa, con vari attrezzi e utensili agricoli stipati all’interno. Sono scoppiate tre bombole gpl che hanno generato un boato tanto forte da far spaventare i residenti. Non ci sono stati feriti ma solo per un caso fortuito. La lunga colonna di fumo denso era visibile da lontano. I pompieri si trovano sul posto per condurre le indagini anche su alcune lastre che sono state rinvenute nei pressi della rimessa che sembrerebbero costituite da eternit. Con loro c’è anche una pattuglia dei vigili urbani. Accidentali sarebbero le cause di entrambi i roghi.