Osimo, il Comune presta la testa romana

L'amministrazione ha dato l'ok per dare in prestito la testa della statua romana che si trova al museo civico per un'importante mostra, "La Bellezza e la Bruttezza del Rinascimento", che sarà allestita a palazzo Reale a Milano

La testa
La testa

OSIMO – L’arte, la cultura e il patrimonio rappresentano un valore strategico per la crescita di Osimo, un valore portato avanti dalle varie amministrazioni. Pochi giorni fa il municipio ha dato l’ok per dare in prestito la testa della statua romana che si trova al museo civico per un’importante mostra, La Bellezza e la Bruttezza del Rinascimento, che sarà allestita a palazzo Reale a Milano. Una richiesta inoltrata con grande anticipo dato che l’esposizione è in programma dal 5 ottobre 2021 al 6 febbraio dell’anno seguente ma già concessa dal municipio osimano direttamente al direttore del palazzo milanese. La scultura “Ritratto d’ignoto del I sec. a.C.”, un gioiello cittadino, tempo fa era esposta nell’ufficio del sindaco in Comune. Ogni onere, compreso quello del trasporto, sarà a carico del municipio milanese, liberando Osimo da ogni vincolo.

Nel contempo il Comune ha impegnato la spesa per il restauro del polittico “Incoronazione della Vergine e Santi” dei fratelli Antonio e Bartolomeo Vivarini, realizzato nel 1464, e conservato al museo civico: l’opera ha ricevuto il primo incarico di restauro dopo 70 anni grazie ai soldi dell’art bonus che finanziano gran parte dei 40mila necessari. I dettagli saranno illustrati lunedì 18 marzo in conferenza stampa.