Castelfidardo, ladri inseguiti abbandonano il furgone con la refurtiva

In via Torres i carabinieri hanno intercettato un veicolo che non si è fermato all'alt. Le due persone a bordo si sono date alla fuga nei campi. All'interno del mezzo, anch'esso rubato, tantissimo materiale sottratto dai criminali

I carabinieri con la refurtiva
I carabinieri con la refurtiva

CASTELFIDARDO – C’è stato un inseguimento da film, i residenti stessi hanno notato il trambusto. Alle 3.30 di ieri, 12 marzo, in via Torres a Castelfidardo, nel corso di controlli per contrastare il fenomeno dei furti in abitazione e ai danni di esercizi commerciali, i carabinieri della stazione locale hanno intercettato un Fiat Ducato furgonato che viaggiava con andatura sostenuta in direzione Loreto.

I militari, insospettiti dalla situazione, hanno intimato l’alt per un controllo ma l’autocarro non si è fermato, anzi, ha proseguito la corsa a forte velocità. Nonostante l’inseguimento dell’equipaggio dell’Arma, i fuggitivi, due persone, sono riusciti a scendere e a dileguarsi a piedi nella campagna circostante facendo perdere le loro tracce.

Dai primi accertamenti è risultato che il veicolo era stato rubato poco prima dal parcheggio di una ditta del posto, assieme a del denaro trafugato dai distributori automatici di bevande. Inoltre all’interno dell’abitacolo i carabinieri hanno trovato refurtiva varia, asportata in un’altra azienda: c’erano una livella laser 3D, un soprammobile a forma di coccodrillo, una scacchiera in pietra di marmo, attrezzi atti allo scasso, in particolare una grossa cesoia, una mazza per l’edilizia e un piede di porco.

La refurtiva è stata restituita alle vittime. I mirati servizi preventivi, che si inquadrano in una più ampia attività disposta dal Comando Provinciale di Ancona per arginare i reati predatori, continueranno nei prossimi giorni, come confermato dal maggiore della Compagnia di Osimo Luigi Ciccarelli.