Campocavallo di Osimo, i cittadini chiedono misure contro il traffico

Un cittadino, a rappresentanza di tanti altri, ha esortato ad un intervento contro il traffico e gli automobilisti indisciplinati al sindaco e al Comandante della municipale Graziano Galassi. Ecco la sua risposta

Il santuario di Campocavallo di Osimo

OSIMO – È riesplosa la polemica sul traffico a Campocavallo, la seconda frazione più grande di Osimo dove campeggia il santuario. Un cittadino, a rappresentanza di tanti altri, ha scritto a sindaco e comandante della municipale: «In via di Jesi all’entrata della frazione da molti anni abbiamo uno stop che nessuno rispetta, come quello ben più pericoloso davanti alla chiesa, dove le auto sfrecciano dando una piccola precedenza a chi viene da via Recanati.

Oltre a questo si continuano a vedere mezzi pesanti al centro che non rispettano il divieto di transito anche all’ora di punta quando escono i bambini da scuola. Altro punto assai pericoloso dove anche oggi ho rischiato un incidente è la rotatoria vicino alla gelateria dove è stata appena installata una telecamera. Si potrebbero mettere dossi artificiali o strisce pedonali illuminate o qualcosa che imponga il rallentamento in particolare dei mezzi pesanti che non si fermano?».

Il comandante dei vigili urbani Graziano Galassi ha risposto: «A Campocavallo non trovo una situazione diversa da altre zone del Comune dove il numero dei sinistri stradali è notevolmente diminuito, infatti quelli rilevati dalla polizia locale sono scesi dai circa 200 di alcuni lustri fa a poco meno di cento del 2018 e questo anche grazie alle tante rotatorie che sono state costruite in questi anni. Coloro che comunque non rispettano le regole del codice della strada ci saranno sempre purtroppo e il contrastarli o prevenirne il comportamento scorretto non è semplice.

Possiamo però parlarne partendo dal presupposto dell’incredibile aumento della circolazione veicolare negli ultimi decenni che amplifica le criticità e le problematiche viarie nella zona e le varie esigenze e necessità della frazione, che vanno dai residenti alle attività commerciali e artigianali, dalle manifestazioni civili e religiose a quelle sportive. La telecamera posizionata recentemente poi ha la funzione di controllare e registrare le targhe dei veicoli».