Tutela dei dati personali, un incontro alla Logical System di Jesi

La normativa GDPR si rivolge a tutte le tipologie di impresa dell’Unione Europea che trattano dati personali. Un incontro per capire come cambia per le aziende la raccolta degli stessi si terrà alla Logical System di Jesi

dati-personali

JESI – Risponde al D-Day del 25 maggio 2018, previsto dal nuovo regolamento generale europeo per la protezione dei dati personali, il cosiddetto Gdpr, con soluzioni pratiche di
gestione e con una consulenza “realtime”.

Filippo-Moscatelli
Filippo Moscatelli, presidente della Logical System di Jesi

La Logical System di Jesi, leader italiano nel settore dell’Itc, vede e rilancia la sfida imposta dalla normativa comunitaria. Il brand accoglierà nella sua sede marchigiana di Viale dell’Industria 50, a Jesi, lunedì 26 marzo, dalle 15 alle 18.30, l’evento
GDPR Logical System Support”: «Si tratta di un’occasione imperdibile, ricca di spunti e contributi, apportati anche da Giuseppe Serafini, consulente legale Dpo&Privacy Expert, dello studio legale omonimo di Perugia, per chiarire doveri e opportunità derivati dall’introduzione del «regolamento» precisa il presidente Filippo Moscatelli.
Il Gdpr modificherà il modo in cui le aziende raccolgono, elaborano e proteggono i dati personali degli utenti – continua Moscatelli – ed è bene che le imprese applichino i corretti adeguamenti ai sistemi informativi e che siano in grado di dimostrare la loro conformità per arrivare puntuali, o
meglio in anticipo, all’appuntamento del 25 maggio». Il regolamento prevede norme che sensibilizzino e proteggano gli interessati quando rendono disponibili i propri dati personali e responsabilizzino le imprese private e le autorità pubbliche che
li utilizzano nella loro attività.

Essere informati è mai come oggi necessario, sia perché l’apparato sanzionatorio previsto è particolarmente gravoso per le aziende (nel caso di una non corretta applicazione o della non ottemperanza degli obblighi previsti, nonostante un primo provvedimento restrittivo, sono previste ammende amministrative fino a 20.000.000€ o, se superiore, pari a un massimo del 4% del fatturato mondiale totale annuo dell’esercizio precedente), sia perché ogni azienda, spinta dalla nuova normativa, è chiamata ad attivare le azioni necessarie entro breve tempo, con dei ritorni che andranno al di là degli adempimenti obbligatori e saranno di più ampia portata: se ne avvantaggeranno infatti il brand aziendale e la salute del business.

L’appuntamento “GDPR Logical System Support” prevede un focus sull’analisi della normativa a cura dell’avvocato Giuseppe Serafini che sottolinea: «Il GDPR avrà effetti pervasivi su ogni tipo di attività economica, dalla piccola bottega alla multinazionale e influirà sulle azioni quotidiane dei privati e delle persone giuridiche. L’attività propedeutica che è necessario le imprese svolgano entro il 25 maggio è la verifica di coerenza, completezza ed adeguatezza alla normativa della protezione dati – definita dal GDPR 2016/679 ‘AUDIT PRIVACY’ – che generalmente è svolta da un team di professionisti. I costi di questa prestazione sono molto variabili perché subiscono le variabili del numero di dipendenti, di clienti, di interazioni, di complessità dell’azienda».