I Boring Tunnel sono la soluzione di Tesla per evitare il traffico

Dopo Tesla Motors, dedicata alle auto elettrice, e SpaceX, per i viaggi turistici nello spazio, Elon Musk ha inaugurato un nuovo progetto per la costruzione di tunnel sotterranei super veloci

Che Elon Musk sia un visionario ne ha dato dimostrazione ampia più volte. Ora il fondatore di Paypal, Tesla, l’azienda automobilistica che realizza veicoli elettrici, e SpaceX, l’ultima creazione che si pone l’obiettivo di rendere possibile i viaggi nello spazio, si sta dedicando a un nuovo progetto che, per visione futuristica, non è lontano da quelli precedenti.

È arrivato il turno di The Boring Company, un’azienda che si pone l’obiettivo di scavare tunnel sotterranei in tempi brevi e a basso costo per permettere di evitare il traffico e decongestionare i centri cittadini.

«Scavare le gallerie a basso costo e velocemente renderebbe possibile costruire un Hyperloop, ovvero delle reti di viabilità super veloci che consentirebbero un rapido passaggio attraverso regioni densamente popolate tanto che si potrebbe viaggiare da New York a Washington DC in meno di 30 minuti».

L’Hyperloop transportation services, secondo quanto scritto, trasporterebbe persone, veicoli e merci viaggiando a più di 600 miglia l’ora, ovvero quasi 1.000 Km/h.

Questi i disegni del progetto

Questa la posizione dei viaggiatori

E questo il tunnel sotterraneo che verrebbe costruito

Tutto è pubblicato sul sito ufficiale: www.spacex.com/hyperloopalpha.

Il nuovo progetto di Elon Musk sembra mixare alla perfezione gli obiettivi che l’imprenditore si era posto con Tesla Motors, ovvero la creazioni di macchine elettriche con un impatto ambientale ridotto, e con SpaceX, dove il suo intento era sviluppare una tecnologia che abbassasse i costi dei viaggi nello spazio oltre a renderli possibili per turisti appassionati e non addetti ai lavori.

Si tratta ora di trovare le soluzioni per raggiungere lo scopo. Per ridurre il costo della costruzione dei tunnel, la società sta cercando di ridurre il diametro del foro.

Qualcuno ha mosso qualche perplessità in caso di terremoto, ma sempre nelle FAQ si legge:«Da un punto di vista strutturale e di sicurezza, il tunnel si muove uniformemente con il suolo, al contrario delle strutture superficiali. I tunnel, quando progettati correttamente, sono noti per essere uno dei posti più sicuri durante un terremoto».

Insomma, sembra proprio che stiano pensando a tutto. Intanto esiste già un ipotetico tragitto da San Frascisco a Los Angeles, una delle zone più a rischio di terremoti degli USA perché collocata a ridosso della faglia di Sant’Andrea.