Ristrutturazioni, ecco il Bonus Verde

È è una detrazione Irpef del 36% sulle spese sostenute nel 2018 per quegli interventi che riguardano, genericamente, gli spazi esterni

giardino bonus verde

La sistemazione del verde è detraibile. Si chiama Bonus Verde ed è una detrazione Irpef del 36% sulle spese sostenute nel 2018 per quegli interventi che riguardano, genericamente, gli spazi esterni. Un altro vantaggio per chi decide di mettere mano alla propria abitazione.

Vediamo nello specifico di che tipo di interventi si tratta. Possono avere accesso al Bonus coloro che sistemano a verde le aree scoperte private di edifici esistenti, le unità immobiliari, le recinzioni, gli impianti di irrigazione e la realizzazione di pozzi. Il recupero è previsto anche per la copertura a verde e i giardini pensili. L’Agenzia delle Entrate spiega che «la detrazione va ripartita in dieci quote annuali di pari importo e va calcolata su un importo massimo di 5mila euro per unità immobiliare a uso abitativo, comprensivo delle eventuali spese di progettazione e manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi. Il pagamento delle spese deve avvenire attraverso strumenti che consentono la tracciabilità delle operazioni (per esempio, bonifico bancario o postale)».

Il Bonus Verde è richiedibile da chi possiede l’immobile sul quale si interviene e che ha sostenuto le spese. Al massimo la detrazione prevede 1.800 euro per immobile, il 36% di 5mila, appunto. Anche gli interventi sulle parti esterne degli edifici condominiali possono essere recuperate, in questo caso ogni condomino ha diritto alla detrazione in base alla quota di riferimento.