Carta Famiglia: cos’è e come funziona

Spetta alle famiglie costituite da cittadini italiani o da cittadini stranieri regolarmente residenti nel territorio italiano, con almeno tre figli minori a carico su base Isee

famiglia-numerosa

Agevolazioni per le famiglie numerose sulla base dell’Isee, ecco la Carta Famiglia 2018.

La Carta è destinata alle famiglie composte da cittadini italiani o stranieri regolarmente residenti nel territorio italiano, con almeno tre figli minori a carico e con Isee non superiore ad euro 30mila euro. La richiesta della Carta è presentata da uno dei genitori dei componenti minorenni appartenenti al nucleo familiare (il nucleo familiare è quello definito ai sensi dell’art. 3 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri n. 159 del 2013) che diventa titolare della stessa e responsabile del suo utilizzo. I soggetti che richiedono la Carta devono essere residenti in Italia al momento della richiesta, se i minori sono in affido familiare la richiesta può essere presentata dagli affidatari per il periodo di permanenza dei minori in famiglia.

La validità è biennale e avrà sul retro il logo del Comune emittente, il numero progressivo della tessera, preceduto dal codice Comune, i dati anagrafici e il codice fiscale dell’intestatario, il luogo e la data di emissione, nonché la data di scadenza. Sul sito istituzionale del Ministero del Lavoro il dettaglio dell’iniziativa che rientra nelle novità di quest’anno per le famiglie (vedi anche Rei).

Elenco-categorie-merceologiche-dei-beni-e-delle-tipologie-di-servizi-Carta-Famiglia-2018
Elenco categorie merceologiche dei beni e delle tipologie di servizi

Essa consente sconti sull’acquisto di beni o servizi (vedi foto). I titolari della Carta possono ottenere i benefici previsti esibendo il tesserino e un documento, non può essere ceduta a terzi. I soggetti che aderiscono al progetto sono riconoscibili dal bollino “Amico della famiglia” e “Sostenitore della famiglia”, la prima inquadra dove sono concessi sconti o riduzioni o agevolazioni pari o superiori al cinque per cento rispetto al normale prezzo di listino o all’importo ordinario, la seconda invece indica sconti o riduzioni o agevolazioni pari o superiori al venti per cento.