Ricostruzione, accessibilità e progettazione esterni. Torna “Riabita”

“Sentirsi a Casa” sarà lo slogan del Salone dell'abitare di Fermo. «Agevoliamo l’incontro con gli specialisti del settore e col tempo siamo diventanti un punto di riferimento per le regioni limitrofe», dice Marco Crescenzi organizzatore dell'evento

Un momento della conferenza stampa di presentazione di Riabita

ANCONA – Torna a Fermo dal 17 al 19 novembre “Riabita”, il Salone dell’abitare. Era inevitabile che alla presentazione della terza edizione, avvenuta questa mattina, 2 ottobre, ad Ancona, il focus sarebbe andato sulle politiche abitative in materia di ricostruzione dopo gli eventi del terremoto. La Regione Marche sarà presente infatti all’evento non solo come partner ma come soggetto di unione tra costruttori e realtà territoriali con un ufficio speciale.

«Siamo felici di poter dare il nostro contributo e la nostra ampia visione sul tema abitativo», ha dichiarato in conferenza stampa Anna Casini, vice presidente della Regione Marche. L’autonomia energetica così come le diverse necessità di chi vive gli spazi domestici sono tra i punti cruciali del vivere bene secondo la Casini. Ed infatti tra le novità di questa edizione vi è Riabita Accessibile, un contenitore dove le aziende propongono prodotti e soluzioni in grado di soddisfare le specifiche necessità dei clienti di qualsiasi età e abilità. Un approccio inclusivo al progetto, senza rinunciare all’estetica e considerando la flessibilità spaziale e tecnologica dell’abitazione, quale elemento imprescindibile per l’adattabilità dell’ambiente domestico alle esigenze che si modificano nel tempo.

 

Il manifesto

Per l’architetto Luca Vagnoni referente di ROOM012, azienda che curerà lo spazio di Riabita Accessibile assieme al Cerpa Italia Onlus, Centro Europeo di Ricerca e Promozione, la domotica, ad esempio, sarà a beneficio delle esigenze collettive più che sfruttata per rispondere ad alcuni vizi personali, questo assieme all’autonomia energetica crea delle condizioni per strategie ed idee volte ad alimentare un progresso culturale in materia di pratiche abitative. All’interno degli spazi espositivi il pubblico troverà inoltre dei punti informativi sugli aspetti normativi legati all’edilizia, agli sgravi fiscali, insomma tutte quelle componenti fondamentali legate al vivere la casa.

“Sentirsi a Casa” sarà lo slogan della rassegna. «Mettiamo al centro – dichiara Marco Crescenzi organizzatore di Riabita, con la sua Service Promotion – gli ambienti di vita considerandoli a 360° gradi. Agevoliamo l’incontro con gli specialisti del settore e col tempo siamo diventanti un punto di riferimento per le regioni limitrofe».

Clima – Sicurezza – Ricostruzione, elementi fondamentali della “Qualità dell’Abitare” saranno quindi i protagonisti del salone 2017. Oltre a Riabita Accessibile, l’altra novità si chiama Riabita Outdoor, area dedicata alla progettazione, al mantenimento e all’arredamento degli spazi esterni dell’abitazione con un ampio spazio dedicato alla biodinamica.

Riabilità 2017 ospiterà più di 170 aziende e conta di superare le 9.000 persone della passata edizione.