Teatro Ragazzi: la 34esima edizione pronta a decollare. Tutte le novità

Spettacoli nei teatri di Arcevia, Chiaravalle, Corinaldo, Maiolati Spontini, Montemarciano, Osimo, Ostra, Sassoferrato e Senigallia. A Jesi gli eventi non più al Moriconi ma al Piccolo di San Giuseppe

L'assessore alla Cultura Francesco Favi e Simone Guerro
L'assessore alla Cultura Francesco Favi e Simone Guerro

CHIARAVALLE – Prende il via a Chiaravalle la 34esima stagione di Teatro Ragazzi nei Teatri della provincia di Ancona, curata dall’Atgtp Associazione Teatro Giovani-Teatro Pirata che la scorsa edizione ha avuto circa 19mila spettatori.

Francesco Mattioni, Ornella Pieroni e Marina Ortolani per l'Atgtp
Francesco Mattioni, Ornella Pieroni e Marina Ortolani per l’Atgtp

Il sipario si alza domenica 22 ottobre al Teatro Valle di Chiaravalle con una Festa di apertura dedicata a bambini e ai genitori: alle ore 17 l’appuntamento è con un grande classico degli spettacoli dell’Atgtp, “Voglio la Luna!” per festeggiare con l’attore protagonista, Fabio Spadoni, ed una magica Luna l’apertura della Nuova Stagione Teatrale dedicata ai ragazzi. Si  tratta dello spettacolo vincitore del Premio Eolo Award 2013 come “Miglior Progetto Educativo per il Teatro Ragazzi e Giovani”. A seguire merenda per tutti i partecipanti alla Festa di Apertura (ingresso 1
euro). Amat e Atgtp hanno vinto il bando di interesse pubblico del Massimo chiaravallese, soddisfatto l’assessore alla cultura Francesco Favi: «Credo moltissimo nel teatro per i ragazzi, tra l’altro Chiaravalle ha sempre risposto benissimo alle iniziative dell’Atgtp. Per questa prima parte della rassegna abbiamo richieste anche da fuori città». Impegno nei confronti del teatro ragazzi è stato assicurato anche dal comune di Corinaldo. «Questo è il settore più vivo in Italia di questi tempi – ha precisato Ornella Pieroni per Atgtp – Con i ragazzi non si scherza, ci vogliono spazi adatti e spettacoli di qualità».

Domenica 29 ottobre ore 17 al Teatro Misa di Arcevia la compagnia Il Laborincolo presenta “7 in 1 colpo!”, spettacolo di burattini in baracca per bambini dai 3 anni in su. Mercoledì 1 novembre alle ore 17 al Teatro La Vittoria di Ostra, per il consueto appuntamento di Halloween della Stagione, appuntamento con lo spettacolo “Cinderella Vampirella”. Ecco il programma degli spettacoli in dettaglio.

Il programma degli spettacoli nel dettaglio
Il programma degli spettacoli nel dettaglio

Novità assoluta la produzione “Un babbo a Natale”, regia di Simone Guerro, che unisce attori e teatro di figura: commedia divertente e romantica che parla dello spirito del Natale in modo poetico e coinvolgente, quando le “le magie” accadono davvero e possono trasformare la vita. Uno spettacolo per cui hanno lavorato tutti artisti under 35, tra loro la toscana Valentina Grigò (volto noto del programma XFactor) che due anni fa vinse il Premio Eolo con lo spettacolo “La peggiore” e Stefano Filippi.

Marina Ortolani e Francesco Mattioni mostrano i programmi per gli istituti comprensivi

Lo scorso anno sono stati 15 gli spettacoli che l’Atgtp aveva in giro per l’Italia, grazie al loro impegno e alla qualità che li contraddistingue da trent’anni, sono riusciti a portare a teatro anche le scuole superiori, diventando garanzia di qualità in tutto il territorio. Con una programmazione che va dai 3 ai 18 anni, anche quest’anno nei comuni coinvolti non mancherà lo spazio dedicato alle scuole, agli Istituti Comprensivi e alle scuole secondarie di II grado. In tutti i comuni ad eccezione di Jesi, che quest’anno conta due spettacoli il 26 novembre al Teatro Il Piccolo “L’albero di Pepe” e il 6 e 7 gennaio 2018 sempre al Piccolo con “Un Babbo a Natale”.

Niente più Teatro Moriconi quindi per l’Atgtp visto che con il comune di Jesi non si è ancora trovato un accordo, a discapito del legame tra la città e il Teatro Pirata e delle centinaia di spettatori che a mala pena entravano nel teatro di piazza Federico II e che dovranno “migrare” al Piccolo di San Giuseppe. Uno spazio quest’ultimo che con i suoi 90 posti non riuscirà mai a contenere il pubblico che solitamente partecipa agli spettacoli: basti pensare che su un totale di 14mila ragazzi, i teatri di Jesi assorbono 7000 presenze, di queste 5000 sono jesini.