Maiolati, la Protezione civile ha un nuovo pick-up

Il nuovo mezzo, modello Ford Ranger super-cab, sarà presentato alla città domenica 17 febbraio, in piazza don Minzoni a Moie. È stato acquistato con un contributo della Presidenza del Consiglio dei Ministri. In programma anche la messa con il vescovo Gerardo Rocconi e la benedizione dei volontari

Il nuovo mezzo a disposizione della Protezione civile di Maiolati Spontini

MAIOLATI SPONTINI – I 25 volontari della Protezione civile del Comune di Maiolati Spontini, coordinati da Marco Conti, hanno un nuovo mezzo a disposizione. Si tratta di un pick-up, modello Ford Ranger super-cab. L’acquisto è frutto di un progetto presentato all’Ufficio tecnico di Maiolati nel 2017, grazie al quale la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha concesso un contributo alla spesa apri al 75%. Il Comune ha invece finanziato il restante 25%. Spiega Fabrizio Mancini, consigliere comunale delegato, che «il parco mezzi della Protezione civile era prima formato da due veicoli fuoristrada con oltre 20 anni di anzianità ciascuno. Ora il gruppo ha due Ford Ranger per trasporto di persone e cose, motopompe e attrezzature varie per fronteggiare qualsiasi calamità, dalla neve al terremoto».

Al nuovo mezzo verrà dedicata la giornata di domenica 17 febbraio a Moie. S’inizia alle 11, in piazza don Minzoni, con l’apertura della cerimonia che coinvolgerà l’amministrazione alla presenza della cittadinanza. Si prosegue poi con l’accoglienza dei Gruppi comunali e la messa presieduta dal vescovo Monsignor Gerardo Rocconi, prevista alle 11.30 e dedicata al ricordo delle vittime di calamità naturali. Il momento più importante sarà alle 12.30, con l’inaugurazione ufficiale e la benedizione dei volontari della Protezione civile. In chiusura sarà offerto un aperitivo ai presenti.

«Si tratta di un’occasione importante anche per parlare di sicurezza sul nostro territorio. Sono stati infatti invitati sia a livello regionale che nazionale sindaci, gruppi di Protezione civile e responsabili delle forze dell’ordine dell’Unione dei Comuni», spiega l’amministrazione.