Zoppi fa 50…con un mare di dolcezze “gratta e vinci”

Al via in questi giorni nella storica pasticceria di Jesi, fondata nel 1968, un concorso dove per ogni consumazione si riceve un grattino che dà la possibilità di vincere speciali e gustose golosità. «L'occasione per condividere con i clienti questo importante traguardo», spiegano i titolari Armando e Luciano Zoppi

JESI – Praline, brioches, colazioni, mousse. E poi ancora bottiglie di vino, aperitivi, mignon, torte. Sono questi alcuni dei “premi” che la pasticceria Zoppi offre alla propria clientela per “condividere” i cinquanta anni di attività. Al via in questi giorni un concorso dove per ogni consumazione si riceve un grattino che dà la possibilità di vincere speciali e gustose golosità. «Abbiamo pensato a cose semplici ma buone, come siamo abituati a fare – spiegano Armando e Luciano Zoppi, i titolari di una delle storiche pasticcerie di Jesi e della Vallesina  – Questo per poter ringraziare i nostri clienti che ogni giorno, e alcuni da anni ormai, hanno il piacere di condividere con noi alcuni minuti della loro giornata, davanti ad un cappuccino o ad un pasticcino».

I fratelli Armando e Luciano Zoppi con la torta dei 50 anni di attività

Un caffè, due chiacchere prima di affrontare gli impegni lavorativi oppure un aperitivo per rilassarsi con amici e colleghi prima di tornare a casa la sera. Questo è Zoppi da cinquanta anni, dal lontano 1968: non solo una pasticceria ma anche un luogo di incontri, di parole, di storie, accompagnati da bontà artigianali e da profumi familiari.

Il concorso, avviato all’inizio del mese e che si conclude a fine novembre, è molto semplice. Ad ogni importo di spesa, corrisponde un biglietto. Si gratta al momento e subito si sa se si ha diritto ad un caffè, una torta o a una colazione, per esempio.

La campagna, realizzata dall’agenzia di comunicazione Optima di Jesi, sta avendo numerosissimi “like” su facebook. «L’iniziativa è molto apprezzata dai nostri clienti, anche quelli più social e di questo siamo molto soddisfatti – commentano i titolari – Molti ci fanno i complimenti per l’iniziativa, altri si danno appuntamento da noi per tentare o ritentare la fortuna». Dunque ci si incontra, si consuma, si gratta e…magari si vince…