Tra libri, incontri, concerti e corsi cresce “La Fornace”

La biblioteca “eFFeMMe23” di Moie, nata nel 2007, ha registrato l'anno scorso 312 utenti in più rispetto al 2017. Tra gli ospiti, anche Serena Dandini e Vittorio Sgarbi. Il sindaco Umberto Domizioli: «È un investimento per le giovani generazioni»

La biblioteca La Fornace di Moie di Maiolati Spontini
La biblioteca La Fornace di Moie di Maiolati Spontini

MAIOLATI SPONTINI – Inaugurata nel dicembre 2007 la biblioteca “La Fornace” di Moie ha conosciuto ben presto una rapida crescita. Lo confermano i dati del 2018: 5.697 utenti, 312 in più rispetto al 2017, 28.945 prestiti, 31.092 ingressi, 142 appuntamenti con le scolaresche in soli dodici mesi. ll suo patrimonio librario è passato da 28.213 libri del 2107 ai 31.670 dell’anno scorso e per una notazione di 5.203 dvd (erano 3.837 nel 2017) e 46 riviste.

«Una media di quattro classi a settimana – ha detto il sindaco Umberto Domizioli – per visite, prestiti librari e progetti. Da sempre rivolgiamo attenzione ai bambini, promuovendo la lettura sin dalla tenera età. Questa struttura è un investimento per le giovani generazioni».

Numerosi i corsi proposti: dall’inglese alla fotografia, dallo yoga al public speaking, fino alla bioenergetica. E non mancano spettacoli e concerti.

Tra i recenti ospiti di livello nazionale anche Serena Dandini. La conduttrice televisiva, alla Fornace lo scorso 15 gennaio, ha descritto Moie come un «paese fortunato» proprio per la sua biblioteca «piena di libri e attività da fare». E lo scorso 3 febbraio anche il critico d’arte Vittorio Sgarbi ha visitato la struttura, in un tour guidato dal primo cittadino Domizioli e dall’assessore alla Cultura Sandro Grizi.

Se la biblitoeca è molto attrattiva per la popolazione dell’intera Vallesina è anche per il suo patrimonio librario, aggiornato con le ultime novità letterarie, passato da 28.213 libri del 2107 ai 31.670 del 2018, 5.203 i dvd, erano 3.837 nel 2017; 46 le riviste.
«La nostra struttura – ha spiegato la bibliotecaria Stefania Romagnoli – è un luogo sempre più frequentato per l’educazione permanente. È significativo il fatto che vi siano cinque circoli e ben 20 corsi, anche questi in crescita visto che erano 18 un anno e mezzo fa. Assidui frequentatori de La Fornace sono anche gli studenti. Abbiamo curato dieci progetti, per tutte le fasce d’età, da svolgersi in classe o in biblioteca. Da quelli nazionali come Libriamoci, che ha coinvolto 546 alunni, al Maggio dei libri, con 493, fino a incontri con gli autori, le letture ad alta voce e la biblioteca itinerante. Gli incontri con gli autori riprenderanno a marzo e avranno come protagonisti gli scrittori della casa editrice Raffaello di Monte San Vito».

Nel 2018 sono stati finanziati altri due progetti con l’Art bonus, oltre a quello dei due artigiani, Virgilio Contadini e Patrizia Martizzi. A sostenere la biblitoeca sono state, infatti, anche la cooperativa sociale Tadamon e la Società Cooperativa Culture.