A Palazzo dei Convegni la mostra fotografica “E’ arrivato l’inverno”

Una selezione di incantevoli immagini sull'inverno, paesaggi e animali negli scatti dei soci marchigiani dell'associazione Afni Marche: «Un lavoro accurato, nel pieno rispetto dell'ambiente»

Mostra Afni Marche Jesi
I soci Afni Marche Federico Prisco, David Grilli e Saverio Barchiesi

JESI – Una selezione di 31 immagini sull’inverno realizzate dai soci dell’associazione Afni Marche, è esposta nella galleria di Palazzo dei Convegni a Jesi dove rimarrà fino al prossimo 14 gennaio.

mostra soci Afni Marche a JesiDiciassette i fotografi che hanno portato i loro lavori: immagini incantevoli che raccontano paesaggi, animali e piante del nostro territorio, delle montagne dei Sibillini e della provincia di Macerata.

“E’ arrivato l’inverno”, questo il titolo dell’esposizione, racconta tesori e bellezze che sono intorno a noi: «La sezione marchigiana dell’Afni è tra le più numerose di tutta Italia, insieme al Friuli e alla Sardegna – rivela Saverio Barchiesi, dell’associazione – Abbiamo scelto l’inverno per questa esposizione cui ne seguirà un’altra sull’acqua. Facciamo fotografie naturalistiche unendo l’aspetto artistico con quello documentaristico perché documentiamo cambiamenti del paesaggio, migrazioni, fioriture. Tutto questo nel pieno rispetto della natura e degli animali: non rechiamo loro disturbo, né facciamo nulla per contaminare o cambiare l’ambiente che ci circonda, nemmeno raccogliere i fiori».

Il lavoro è serio e professionale: «Prima ci documentiamo sull’animale, lo conosciamo, impariamo le sue abitudini – spiega David Grilli, anche lui associato – Da un lavoro come questo ci guadagna anche lo scatto perché gli animali non sono impauriti. E poi ci permette di fare monitoraggio degli ambienti: collaboriamo con enti come Ripa Bianca, il Parco del Monte Conero».

«Come geografia, il territorio italiano è tra i più ricchi in assoluto – aggiunge Federico Prisco – in Italia però la fotografia naturalistica è un settore di nicchia, basti pensare che al concorso nazionale di fotografia naturalistica più della metà dei partecipanti sono stranieri, vengono dalla Francia e dalla Germania. Complice anche la scarsa attenzione che abbiamo per l’ambiente che ci circonda».

L’esposizione, davvero interessante sotto l’aspetto artistico e documentaristico, rimarrà aperta fino al 14 gennaio prossimo dalle 17.30 alle 20, sabato 13 e domenica 14 anche la mattina dalle 10 alle 13.