Chiaravalle: il fenomeno della domenica è lo scambio delle figurine

In tanti da tutto il territorio si danno appuntamento da Andrea Anselmi, titolare dell’edicola Il Giornalaio del Corso, per una tradizione che non tramonta. Dopo Pizzaballa ora il più ricercato è Dybala

Lo scambio di figurine per il corso di Chiaravalle la domenica mattina
Lo scambio di figurine per il corso di Chiaravalle la domenica mattina

CHIARAVALLE – Il rito del “celo, celo, manca” non tramonta mai. Ed è uno spettacolo assistere ogni domenica mattina allo scambio di figurine tra appassionati organizzato da Andrea Anselmi, titolare dell’edicola Il Giornalaio del Corso. «È un’idea che mi venne 4 anni fa – dice uno degli edicolanti più conosciuti di Chiaravalle, tornato nella cittadina dove nacque dopo una vita trascorsa a Settimo Torinese – e così ho messo a disposizione la mia edicola ed alcuni tavoli in corso Matteotti e ho lanciato l’idea sui social. Ben presto si sono fatti vivi tanti appassionati, dai bambini ai più grandi e la domenica lo scambio di figurine è divenuto un appuntamento imperdibile per loro». Gli amanti delle “figu” vengono da tutto il territorio, da Chiaravalle ma anche da Falconara, Monte San Vito, Ancona, perfino da Castelplanio e Moie. Certo i tempi sono cambiati: ora le immagini rare sono quelle di Dybala, Icardi, Dzeko, i nuovi miti del calcio, mica gli epici campioni degli anni ’60 e ’70, Pizzaballa, William Vecchi, Bolchi, allora capitano dell’Inter, primo ad essere immortalato in una figurina. L’album Panini è tutt’ora una “chicca” per intenditori, un imperdibile strumento per i calciofili e un oggetto da collezionare con cura e dedizione. «Io colleziono gli album dei calciatori della Panini dal 1982 – dice un falconarese molto attivo nello scambio – e non me ne sono perso più uno da allora. Cerco con insistenza i giocatori del Milan, la mia squadra del cuore e qui a Chiaravalle trovo ciò che mi serve per completare il mio album cercando anche di risparmiare qualcosa». Poi ci sono i giovanissimi Leonardo e Alessandro di Castelplanio. Hanno entrambi 10 anni e un monte così di figurine da scambiare. Sono juventini fino al midollo e sono affezionatissimi alle immagini di Dybala e Higuain. «Finire questo album è un po’ come vincere il nostro campionato – dicono spensierati – ma ci siamo quasi, non sarà impossibile completarlo”. Dopo la messa delle 10 il popolo degli appassionati aumenta considerevolmente. I tavoli predisposti da Andrea Anselmi non bastano più , sono letteralmente presi d’assedio dagli amanti del “celo manca celo”. Il tam tam su face book e il passaparola tra gli aficionados hanno avuto l’effetto sperato. Arrivano in tanti e tutti muniti di “doppie” o “triple”. E non solo per i calciatori: vanno per la maggiore anche gli Amici Cucciolotti e l’album delle figurine degli sportivi locali. Ma Leonardo ha un’idea fissa. “Cerco Dybala e Pianic ed offro Dzeko e mezza squadra della Roma: tanto alla fine il campionato lo rivinciamo noi bianconeri e le figurine più rare sono proprio quelle dei nostri campioni!». Arrivederci a domenica prossima.