Sassoferrato e gli operai della Whirlpool in lutto per la scomparsa di Leonello Spadoni

Un malore improvviso, probabilmente un infarto, non gli ha lasciato scampo mentre si trovava nella sua abitazione di Amandole di Sassoferrato. Vani tutti i tentativi di rianimazione effettuati dai sanitari del 118 dell'ospedale Engles Profili di Fabriano

Leonello Spadoni
Leonello Spadoni

SASSOFERRATO – Lutto a Sassoferrato e, soprattutto, fra i lavoratori dello stabilimento Whirlpool di Melano-Marischio a Fabriano. È deceduto, improvvisamente, questa mattina 13 gennaio, Leonello Spadoni, 53enne operaio metalmeccanico.  Un malore improvviso, probabilmente un infarto, non gli ha lasciato scampo mentre si trovava nella sua abitazione di Amandole di Sassoferrato. Vani tutti i tentativi di rianimazione.

Un malore improvviso che non ha lasciato scampo a Leonello Spadoni e che lo ha colto mentre era a casa in un sabato mattina che sembrava uguale a tanti altri. Nessun segno premonitore, nulla che lasciasse presagire la tragedia. Giorni di lavoro e il meritato riposo da trascorrere insieme ai suoi cari. Invece, questa mattina, il probabile infarto che lo ha strappato all’affetto di tutti i colleghi, amici e parenti che hanno apprezzato il 53enne per le sue doti umane e professionali.

Una vita in stabilimento a Fabriano: operaio metalmeccanico alla Indesit Company e poi il passaggio sotto il comando degli americani di Whirlpool. La notizia si è diffusa dal pomeriggio di oggi. L’ambulanza del 118 dell’ospedale Enlgles Profili di Fabriano, ha trasportato il feretro di Leonello Spadoni, dopo che tutti i tentativi di rianimazione – effettuati nella sua abitazione nella frazione di Sassoferrato – sono andati falliti.

In molti, già da domani mattina alle ore 9, si recheranno nei locali dell’obitorio del presidio ospedaliero cittadino per omaggiare «un vero amico sempre disponibile». Sui social network, sono stati tanti i colleghi che lo hanno ricordato per la sua disponibilità umana e professionale. Sempre sorridente e cordiale con tutti.

Lunedì pomeriggio, 15 gennaio, alle 14:45, partirà dall’obitorio dell’ospedale fabrianese, il corteo funebre in direzione della chiesa del cimitero di Coccore, lungo la strada provinciale che collega Fabriano a Sassoferrato. Alle 15 saranno officiati i funerali e dopo le esequie avrà luogo la sepoltura nel cimitero cittadino di Sassoferrato.