Nadin Barbarossa e Francesca Tassi, due promesse del tennis

Siamo andati a conoscere le due giovani fabrianesi della Janus Tennis Academy: la prima recente vincitrice del titolo italiano Under 11 e prospetto di livello europeo, la seconda tra le prime otto in Italia. A seguirle ci sono i maestri Valerio Moretti e Alessio Mantini: «Siamo orgogliosi di loro»

Nadin Barbarossa e Francesca Tassi con i maestri Alessio Mantini e Valerio Moretti

FABRIANO – Il 13 agosto – come a suo tempo abbiamo prontamente riportato su queste colonne – la giovanissima tennista fabrianese Nadin Barbarossa ha vinto il titolo di campionessa italiana Under 11. Nella stessa competizione, la compagna Francesca Tassi ha raggiunto il lusinghiero traguardo dei quarti di finali. Insieme, nel doppio, Barbarossa/Tassi si sono fregiate del titolo di vice campionesse italiane, battute in finale solo al tie-break dopo aver sfiorato la vittoria.

Nadin Barbarossa e Francesca Tassi

E’ stato un trionfo, insomma, per la Janus Tennis Academy e in particolare per i maestri – Valerio Moretti e Alessio Mantini – che seguono quotidianamente e stanno facendo crescere le due ragazze.

In questo momento, in Italia, nessun altro circolo ha due tenniste classe 2006 così brave. E possiamo considerarlo un mezzo miracolo, visto che il sodalizio fabrianese si trova a competere con club del panorama nazionale che hanno ben altri bacini di utenza, lignaggio, mezzi e strutture a disposizione.

«Per rendere l’idea con un paragone, è come se il Congo avesse vinto la Coppa del Mondo di calcio», scherza, ma neanche tanto, il maestro Valerio Moretti quando andiamo a far loro visita al Circolo fabrianese, dove le due ragazze si stanno allenando. E andiamo a conoscerle. Perché un risultato così storico per il tennis cittadino – nessun fabrianese aveva mai vinto un titolo italiano individuale prima d’ora – merita ovviamente la vetrina.

«Ho iniziato a giocare a tennis a 7 anni e mi è subito piaciuto molto – esordisce Nadin Barbarossa. – Nel campionato italiano partivo favorita e ho mantenuto le aspettative vincendo il titolo. E’ stata una gran bella soddisfazione». Più che una vittoria, quella di Nadin è stata una marcia trionfale, visto che il suo percorso è stato nettissimo, eliminando quattro coetanee senza perdere nessun set e scalando agevolmente il tabellone fino alla finale vinta contro Giulia Bizzari, anche in questo caso nettamente…

Anche Francesca Tassi è stata una bella sorpresa, che passa un pochino in secondo piano solo perché la compagna è stata fenomenale. «Agli ottavi ho eliminato una delle candidate alla finale è questa è stata una gran gioia – ci racconta Francesca. – Il tennis mi piace tanto e gli dedico molto tempo, uno sport di cui mi sono innamorata dopo averne provati molti altri».

Si inserisce il maestro Valerio Moretti per precisare che «non sono dei fenomeni, ma ragazze disciplinate, che si allenano con gusto e hanno la cultura del lavoro, vanno bene a scuola, fanno sacrifici e hanno metodologia nell’allenamento: i risultati arrivano da qui». E poi aggiunge: «Nadin, in questo momento, è uno dei prospetti più interessanti a livello europeo, ma ciò non vuol dire che diventerà una campionessa. Certo, i presupposti per fare bene ce li ha tutti: della sua età in Italia, in questo momento, è la migliore in assoluto».

Nadin Barbarossa e Francesca Tassi con i maestri Alessio Mantini e Valerio Moretti

Entrambe, sono davvero una bella coppia. «Tra noi c’è un gran feeling – dicono Nadin e Francesca – ci troviamo bene anche fuori dal campo. Abbiamo fatto le elementari nella stessa classe e quando ricomincerà la scuola, tra poco, andremo in prima media insieme».

Lo stesso feeling c’è tra le ragazze e i due allenatori. «Passiamo tantissime ore insieme, visto che si allenano con noi cinque volte a settimana – dice in proposito Mantini – e si è istaurato un bel rapporto, cosa fondamentale per fare bene le cose».

Per le due ragazze, ora, c’è un bel banco di prova: grazie alle ottime prestazioni ai Campionati Italiani, hanno ottenuto il “pass” per la prestigiosa “Coppa Lambertenghi” che si disputerà a Milano domenica 3 settembre, dove affronteranno atlete un anno più grandi di loro.

Nadin e Francesca, dicevamo, fanno parte della Janus Tennis Academy, la scuola di tennis che si occupa dell’insegnamento all’interno dello Janus Tennis Club di Fabriano. I tecnici, come detto, sono Valerio Moretti (maestro nazionale) e Alessio Mantini (istruttore di secondo grado), con loro Rodrigo Zalynas (preparatore fisico di secondo grado) e una preziosa consulenza la fornisce anche il professor Franco Rosei. «Abbiamo circa sessanta allievi tra i 4 e i 18 anni – dice Mantini – più una quarantina di adulti che prendono lezioni».

Detto di Nadin e Francesca, altri interessanti ragazzi validi a livello regionale sono Riccardo Rosei (classe 2007) e Gabriele Laurenzi (2004).

Lo Janus Tennis Club, ricordiamo, è attualmente presieduto da Luciano Contini e ha circa 130 soci. Una realtà di buon livello in regione, al cui interno ora si stanno mettendo in luce questi eccellenti giovani che danno lustro al sodalizio e alla città intera.