Tre furti in 15 giorni nella scuola Aldo Moro a Fabriano

Magrissimo il bottino: pochi spiccioli e due computer, di cui uno molto vecchio. Ma è il gesto che non può essere accettato, visto che riguarda una scuola. E si torna a chiedere con forza l’installazione di telecamere. Indagano i carabinieri

Carabinieri
Carabinieri

FABRIANO – Tre furti a Fabriano in due settimane e tutti nello stesso luogo: una scuola. Esattamente all’interno della primaria Aldo Moro, zona Campo Sportivo. Magrissimo il bottino: pochi spiccioli e due computer, di cui uno molto vecchio. Ma è il gesto che non può essere accettato, visto che riguarda una scuola. E si torna a chiedere con forza l’installazione di telecamere di sorveglianza per scoraggiare i malintenzionati.

I ladri, una prima volta, hanno forzato la porta d’ingresso, sempre in piena notte, e una volta dentro si sono diretti immediatamente in direzione del distributore di bevande e alimenti per forzare la cassettiera. Hanno arraffato le monete e si sono dileguati. Evidentemente non paghi, hanno deciso di ritornare all’interno del plesso scolastico a distanza di pochi giorni. Questa volta, si sono concentrati sulle apparecchiature elettroniche, rubando un computer portatile usato per la didattica e un vecchio computer che si trovava all’interno di un armadio.

Non è finita qui. Infatti, nella notte fra martedì e mercoledì scorsi, nuovo furto. Forzata la porta di ingresso e nuovamente attenzionato il distributore automatico. Forzata la cassettiera e rubate le monete che, per forza di cose, non poteva certamente essere piena di soldi. Infatti, a conti fatti, i ladri hanno rubato circa 50 euro in monete e i due computer. Complessivamente un bottino di alcune centinaia di euro.

A indagare su questi furti, i carabinieri della Compagnia di Fabriano che hanno effettuato tutti i rilievi del caso per avviare prontamente le indagini.

La notizia dei tre furti nel breve volgere di quindici giorni ha fatto il giro dei social network, Facebook in testa. Grande lo sconforto per il gesto e solita richiesta: installare telecamere di videosorveglianza pubblica all’interno della struttura e nelle sue immediate vicinanze per scoraggiare ulteriori episodi del genere.