Fabriano, addio ad Alessio Spalletti e Iunchita Elisei

Il giovane papà si è spento a 43 anni per colpa di un brutto male con il quale era in lotta da anni. L’altro decesso tocca anche la politica cittadina, con la morte della storica commerciante fabrianese Iunchita Elisei e madre del vicesindaco Arcioni

La Basilica Cattedrale di San Venanzio a Fabriano
La Basilica Cattedrale di San Venanzio a Fabriano

FABRIANO – Due decessi, a distanza di poche ore, hanno toccato molto Fabriano e i fabrianesi. Il giovane papà, Alessio Spalletti, si è spento a seguito di un brutto male con il quale era in lotta da anni.

L’altro decesso tocca anche la politica della città, con la morte di Iunchita Elisei, storica commerciante di Fabriano e madre del vicesindaco, Ioselito Arcioni.

Alessio Spalletti

Domani, 9 febbraio, alle 15 in Cattedrale a San Venanzio con successiva tumulazione al cimitero di Santa Maria, l’ultimo saluto al 43enne Alessio Spalletti minato da un tremendo male con cui combatteva ormai da tempo. In tanti in queste ore si stanno stringendo attorno alla moglie, la giornalista Leila Ben Salah, e ai due figli. L’uomo era conosciuto anche per un passato da fotoreporter per il quotidiano Il Messaggero, mentre gli ultimi tempi ha operato come cuoco nelle mense scolastiche cittadine. «Un uomo mite, mai sopra le righe e dai modi davvero dolci», lo ricordano gli amici di sempre straziati dal dolore.
Tanti hanno raggiunto la camera ardente allestita nei locali dell’obitorio dell’ospedale Engles Profili di Fabriano per testimoniare sentimenti di vicinanza nei confronti della moglie e dei due bambini. «Un uomo coraggioso, che non aveva mai perso il sorriso nonostante tutte le vicissitudini. Un esempio per molti», il commento di tanti amici di Alessio.

Sempre domani, funerale alle 11 nella chiesa fabrianese San Biagio, poi la tumulazione al cimitero di Genga, l’addio all’88enne Iunchita Elisei. Per decenni è stata alla guida della macelleria di via De Gasperi recante il suo nome, nei locali dove oggi viene ospitato un negozio di riparazioni elettroniche. Molteplici le testimonianze di solidarietà ai figli, uno dei quali è il vicesindaco di Ioselito Arcioni a cui sono arrivati attestati da commercianti, politici e comuni cittadini.