Doppia iniziativa promossa dal Gruppo micologico naturalistico di Fabriano

La prima si svolge domani, 10 giugno, a partire dalle 6:30, a spasso sui monti Sibillini in cerca di olibri (spinaci selvatici di montagna) e, volendo, anche di funghi. La seconda lunedì 11 alle 21 nella sede dell'Unione montana

Una veduta di Fabriano

FABRIANO – Doppia iniziativa a Fabriano promossa dal Gruppo micologico naturalisti cittadino. La prima si svolge domani, 10 giugno, a partire dalle 6:30, A spasso sui monti Sibillini in cerca di olibri (spinaci selvatici di montagna) e, volendo, anche di funghi.

Il Gruppo Micologico Naturalistico di Fabriano ha fissato l’appuntamento con ritrovo e partenza alle 6:30 dal piazzale antistante la chiesa della Sacra Famiglia di Fabriano. La camminata-passeggiata sarà guidata dagli esperti micologi del gruppo fabrianese e prevederà, quale forma di solidale sostegno alla ripresa della provata economia dei monti Sibillini un pranzo comunitario da consumare in loco ovviamente a pagamento ma, volendo, facoltativo. La partecipazione a detta uscita in montagna sarà come sempre libera e aperta a quanti vorranno prendervi parte.

Il giorno successivo, 11 giugno, alle 21, in collaborazione con l’Unione Montana dell’Esino-Frasassi, presso la sala convegni dell’ex Comunità Montana di via Dante, si svolgerà un incontro con l’esperto micologo Mauro Faraoni per parlare degli agarici (prataioli, turini …) commestibili e tossici a confronto, ovvero, funghi molto ricercati nelle nostre zone e, quindi, ai quali dover prestare le dovute attenzioni per evitare di raccogliere xanthoderma.

L’incontro, di carattere divulgativo e conoscitivo, sarà parte integrante del “mini-corso” per l’anno 2018 pensato dal Gruppo Micologico Naturalistico di Fabriano con rilascio di attestato finale di partecipazione valido quale eventuale richiesta di ripasso e approfondimento delle proprie conoscenze fungine in caso di future modifiche legate alla tessera regionale di raccolta funghi al momento confermata ancora senza scadenza di validità. «Tutti sono invitati a portare esemplari fungini e partecipare a detti incontri che rappresentano un’importante occasione di promozione e prevenzione della locale sicurezza alimentare-tossicologica e, in special modo, quanti sono già raccoglitori», fanno sapere i responsabili del Gruppo micologico naturalistico fabrianese, David Monno e Sandro Morettini che sono pronti a chiarire dubbi e domande anche attraverso i social network.