Diminuisce la popolazione scolastica a Fabriano, domani la prima campanella

Sono circa 5.300 gli studenti che domani, 17 settembre, torneranno in classe nei vari istituti cittadini. La diminuzione è certamente da imputare al calo demografico che sta portando molte famiglie a lasciare Fabriano per il perdurare della crisi economica

FABRIANO – Tutto pronto per il rientro sui banchi di scuola degli studenti di Fabriano. La popolazione studentesca si aggira attorno ai 5.300.

Domani mattina, 17 settembre, prima campanella per ogni scuola di ordine e grado a Fabriano. Tutti i preparativi sono ormai ultimati. Sono poco meno di 3.000 gli alunni dei tre istituti comprensivi, rispettivamente circa 800 al Marco Polo, circa 1.000 al Romagnoli e 1.020 all’Aldo Moro.

Passando alle scuole medie superiori, numeri stabili per il Liceo Classico Stelluti con 450 studenti. Al Liceo Scientifico Volterra 530 studenti fra Fabriano e la sede distaccata di Sassoferrato. All’Istituto tecnico industriale Aristide Merloni e Ipsia Miliani, polo tecnologico, sono 602 i ragazzi iscritti: 402 all’ex Itis e 200 all’Ipsia. Per quel che riguarda il Morea risultano nei vari indirizzi Ragioneria, Geometra, Turistico: 240 alla Ragioneria; 170 al Turistico e solo la quinta classe per il Geometra con 10 studenti. Dunque, si rischia, l’anno prossimo, di perdere completamente questo storico indirizzo scolastico. Un problema che è comune in tutta Italia. L’Itas Vivarelli può contare su circa 280 studenti. Infine, al Liceo Artistico, gli studenti iscritti risultano essere circa 160. Complessivamente, dunque, l’intera popolazione studentesca delle scuole superiori di Fabriano risulta essere intorno alle 2.300 unità.

La popolazione studentesca risulta, dunque, essere in diminuzione negli ultimi anni. Questo è certamente da imputare al calo demografico che sta portando molte famiglie a lasciare Fabriano per il perdurare della crisi economica.

Il sindaco di Fabriano, Gabriele Santarelli con la fascia tricolore
Il sindaco di Fabriano, Gabriele Santarelli con la fascia tricolore

L’AUGURIO DEL SINDACO DI FABRIANO, GABRIELE SANTARELLI

«L’inizio di un nuovo anno scolastico è sempre anche l’inizio di un nuovo percorso di crescita. Si parte con cose nuove: diari lindi, zaini sgargianti, astucci intonsi, quaderni vuoti, penne, colori, libri con l’inconfondibile profumo di nuovo. Si finisce con diari colorati, zaini sporchi, astucci macchiati di inchiostro, quaderni scritti, penne mangiucchiate, colori usati (quelli che non avete perso), libri spiegazzati. A fine anno scolastico però avrete non solo cose vecchie ma anche qualcosa di nuovo: voi stessi. A giugno non sarete le stesse persone di settembre, sarete cresciuti non solo anagraficamente e fisicamente, ma anche e soprattutto come persona, saranno nuove le vostre emozioni, il vostro modo di approcciare la vita, sarà nuovo il vostro modo di relazionarvi con le altre persone, saranno nuovi i vostri obiettivi, le vostre aspirazioni e le vostre speranze. Oggi auguro buon lavoro ai docenti e a tutte le persone che lavorano nella scuola e per la scuola e agli studenti un buon inizio di anno scolastico, ma soprattutto un buon percorso e, sin da adesso, anche una buona fine, quando riguardandovi indietro e vedendo la strada fatta vi scoprirete nuovi».