Cartiere Miliani di Fabriano: Alessandro Fedrigoni scrive la lettera di commiato dai dipendenti

Il presidente della Società passa ufficialmente la mano ai nuovi proprietari: il fondo Usa, Bain Capital. Una decisione, quella di vendere, che viene definita sofferta, ma doverosa

Stabilimento delle Cartiere Miliani

FABRIANO – Ufficiale il passaggio di mano del Gruppo Fedrigoni, dunque anche delle Cartiere Miliani di Fabriano, al fondo statunitense Bain Capital. Lettera di Alessadro Fedrigoni, presidente della società, a tutti i dipendenti per il commiato definitivo.

È stata, dunque, perfezionata oggi – 16 aprile – la vendita del Gruppo Fedrigoni. Anche sul tetto delle storiche cartiere Miliani di Fabriano sventola, ufficialmente, la bandiera a Stelle e Strisce.

«La famiglia Fedrigoni, dopo 130 anni di presenza nell’industria cartaria, termina la propria missione alla guida dell’azienda. Tocca a me, in qualità di Presidente della Società, il commiato. Condensare oltre un secolo di storia in poche righe è sempre impossibile, soprattutto nel nostro caso, perché molti eventi straordinari hanno accompagnato e indelebilmente segnato il percorso di vita di questa Azienda: guerre mondiali, crisi economiche, incendi, terremoti e molto altro, tutti eventi importanti e devastanti, dai quali, tuttavia, la famiglia, coadiuvata da tutti i collaboratori, ha saputo risollevarsi creando nuovo impiego e benessere per molte famiglie, tenendo con determinazione la “barra” ferma, senza chiedere mai aiuti esterni e seguendo una sola guida, quella del lavoro, nella sua espressione più nobile di solidarietà e rispetto fra gli uomini. Credo, anzi sono certo, di aver dato tutto me stesso, fino all’ultima mia risorsa, per contribuire al successo di questa società, con fiducia e collaborazione verso il mio staff e nel progetto dell’Azienda. Ho colto l’eredità di mio padre, vero fondatore e fautore dello sviluppo e del successo della cartiera, fin dalla mia giovane età, ed oggi, dopo 53 anni di lavoro, all’età di 77 anni, lascio l’azienda in piena salute, con i bilanci più che positivi, i migliori della storia del nostro Gruppo e nel mio cuore, come sempre, piena fiducia nel futuro dell’azienda e dei suoi uomini», scrive Alessadro Fedrigoni, ricordando anche il terremoto che ha gravemente danneggiato lo stabilimento di Pioraco delle Cartiere Miliani di Fabriano.

«È stata per me una cavalcata emozionante conoscere e lavorare con collaboratori bravissimi ed entusiasti, clienti e fornitori in Italia e all’Estero competenti ed affezionati, e tutti mi hanno fatto crescere in esperienza e umanità. Tutto ciò ha reso e rende la decisione di lasciare molto sofferta e quindi difficile ma, nel contempo, doverosa, come più volte ho avuto modo di comunicarvi, esponendovene le ragioni, e, in ogni caso, necessaria per salvaguardar la continuità dell’Azienda e dei suoi risultati. Lascio il testimone ad altri che, sono certo, sapranno cogliere la professionalità, la cultura aziendale e l’integrità morale di Cartiere Fedrigoni, riconosciute ed apprezzate in tutto il mondo. Un grazie di cuore a tutti i collaboratori, indistintamente, che con il loro lavoro hanno contribuito, ieri come oggi, alle sorti e al successo della cartiera: ogni risultato è la somma di tanto lavoro e tanta dedizione da parte di tanti uomini e di tante donne. Auguro a tutti voi e alle vostre famiglie – si conclude la missiva – ogni bene futuro e vi voglio trasmettere la certezza che mi sentirò sempre, con i miei pensieri, vicino a voi per tutto il mio tempo a venire».