Banca Intesa-Sanpaolo apre a Fabriano la filiale del Terzo millennio

Oltre 14mila clienti, circa mille dei quali costituiti da imprese, e nel quale lavorano circa 120 persone, la maggior parte dedicate ai servizi a persone e imprese, cui si aggiungono uffici afferenti a funzioni centrali del Gruppo

Tito Nocentini, direttore regionale di Intesa-Sanpaolo
Tito Nocentini, direttore regionale di Intesa-Sanpaolo

FABRIANO – Una delle filiali più grandi per Intesa Sanpaolo nel Centro Italia. Ma, soprattutto, la filale del Terzo Millennio, dove si viene in banca su appuntamento, si effettuano le operazioni nella massima autonomia, ci si forma sulle opportunità e normative vigenti, si incontrano i clienti e ci si scambia idea, come un co-working. E la sede è a Fabriano.

Da lunedì 14 maggio, il cosiddetto Palazzo di vetro, come è conosciuta a Fabriano la sede ex Carifac e ex Veneto Banca di via Don Riganelli, ha ripreso vita, forse anche più di prima. Oltre 14mila clienti, circa mille dei quali costituiti da imprese, e nel quale lavorano circa 120 persone, la maggior parte dedicate ai servizi a persone e imprese, cui si aggiungono uffici afferenti a funzioni centrali del Gruppo.

Presso la struttura di via don Riganelli, da lunedì scorso, operano infatti una filiale Retail, una filiale Personal, un distaccamento Imprese, oltre a diverse strutture che fanno capo agli uffici centrali del gruppo bancario. Il tutto con un nuovo layout nel quale il cambiamento del luogo fisico va di pari passo con quello dell’approccio al cliente.

«Il nuovo modello di filiale realizzato a Fabriano segna un rinnovamento completo e profondo. Intesa Sanpaolo è la banca dell’economia reale e le nuove filiali ne sono le piazze», ha illustrato Tito Nocentini, direttore regionale di Intesa Sanpaolo. «L’originale layout degli ambienti rispecchia l’atteggiamento di accoglienza che vogliamo esprimere con le nostre persone. La nuova filiale favorirà ulteriormente le connessioni con gli attori del territorio, con i clienti e tra i clienti, che qui potranno trovare un punto d’incontro e avere uno scambio di idee e di business. La sfida è rispondere in modo nuovo anche ai bisogni più tradizionali, sviluppando per esempio le enormi opportunità rese possibili dalla rivoluzione digitale».

L’ingresso e accoglienza della filiale

Accoglienza e relazione sono gli obiettivi principali del cambiamento e per realizzarli la banca ha realizzato una “rivoluzione” degli spazi abbattendo barriere e confini. Particolare cura è stata posta nella realizzazione dell’ingresso della filiale con una grande area di primo contatto e di orientamento, dove gli operatori, supportati anche dalle nuove tecnologie, aiutano il cliente a indirizzarsi verso i servizi desiderati, dalla consulenza specialistica fino all’uso delle casse self e gestiscono anche l’organizzazione degli appuntamenti.

La "piazza" della filiale
La “piazza” della filiale

Il fulcro della filiale di Fabriano è la “piazza”, luogo – non solo metaforico – per lo scambio di idee ed esperienze. Al centro di quest’area condivisa si trova un grande tavolo di legno grezzo, tutto intorno ci sono librerie, divani e poltrone. Sulla piazza affacciano i salottini per gli incontri informali e gli spazi dedicati a quelli riservati e le casse self-service assistite. Nella realizzazione sono stati utilizzati materiali semplici, con un’attenzione particolare al loro valore ecologico. Interamente riservato alla clientela il parcheggio di pertinenza dello stabile di via don Riganelli.

L'area bancomat esterna
L’area bancomat esterna

L’area esterna delle casse self – accessibile 24 ore su 24 – ospita due sportelli automatici ATM e due sportelli automatici evoluti MTA che oltre a prelevamenti e pagamenti consentono anche operazioni di versamento contanti e assegni ed altre operazioni. Mentre all’interno della filiale – dove è presente una connessione wi-fi a disposizione della clientela – vi sono tre casse self assistite (operative dalle 8 alle 19, il sabato e i pre-festivi, invece, dalle 9 alle 13 per consulenza e casse senza operatore) dove i clienti possono effettuare una varia gamma di operazioni in autonomia o con l’assistenza del personale.

Gli uffici retail al primo piano
Gli uffici retail al primo piano

Resteranno inoltre attivi sia lo sportello ATM lungo il centralissimo corso della Repubblica che quello presso il Centro Commerciale “Il Gentile” e verrà installato a breve, verosimilmente entro il mese di giugno, un nuovo ATM all’interno dell’ospedale di Fabriano Engles Profili.

«Nelle Marche abbiamo oltre 130milioni di impieghi e 360milioni di raccolta. Continueremo a sostenere il tessuto produttivo marchigiano, fabrianese in modo particolare», ha concluso Nocentini.