Ai giardini con marijuana, segnalati quattro minorenni

I giovani, di età compresa fra i 13 e i 14 anni, si trovavano nel parco fabrianese quando sono stati fermati dai carabinieri dell’Aliquota Radiomobile durante i consueti controlli per garantire la sicurezza

Carabinieri, militari dell'Arma, gazzella
Carabinieri

FABRIANO – Allarme droga fra i minorenni di Fabriano. Denunciati quali assuntori di sostanze stupefacenti quattro giovanissimi, di età compresa tra i 13 e i 14 anni. Un fenomeno che si ripete ogni fine settimana durante i controlli mirati effettuati dai carabinieri della Compagnia cittadina, in collaborazione con le altre stazioni del territorio di competenza.

Lo scorso fine settimana, i carabinieri di Fabriano sono stati impegnati nei consueti controlli del week end per prevenire le cosiddette stragi del sabato sera e garantire, in questo modo, la sicurezza lungo le principali arterie cittadine, siano esse principali che secondarie.

Numerosi i posti di controllo messi in piedi e tante le automobili controllate, oltre alla relativa identificazione degli occupanti dei mezzi. Per fortuna, al termine di questa capillare operazione di monitoraggio, nessuna denuncia per guida in stato di ebbrezza o sotto gli effetti di sostanze stupefacenti. Ma solo qualche verbale di contravvenzione per violazioni al codice della strada.

Nella serata di sabato scorso, però, i carabinieri di Fabriano hanno implementato i controlli su strada, concentrandosi anche nei luoghi di maggiore presenza di giovani e giovanissimi. E in uno di questi, esattamente nei pressi dei giardini pubblici, i militari dell’Aliquota Radiomobile hanno fermato quattro minorenni, di età compresa fra i 13 e i 14 anni.

Quest’ultimi sono sembrati molto nervosi alla vista dei militari. Si è provveduto a controlli più approfonditi ed è emerso che i quattro ragazzi erano in possesso di 2,5 grammi di marijuana. I quattro minorenni sono stati, quindi, segnalati alla Prefettura di Ancona quali assuntori di sostanze stupefacenti. Ovviamente, anche i genitori sono stati convocati in caserma a Fabriano affinché i carabinieri gli potessero spiegare ciò che era accaduto.