Adescavano ragazzine, domani l’interrogatorio di garanzia dei due arrestati

L’operazione ha fatto scattare le manette ai polsi di un 72enne, residente a Genga, e di un fotografo 35enne che vive a Macerata. L’indagine è partita nel 2017 grazie alla segnalazione di una madre di Fabriano insospettita dal continuo chattare della figlia e dall’improvvisa disponibilità di denaro

auto carabinieri

FABRIANO – Sono una decina le ragazze minorenni adescate dai due uomini arrestati dai carabinieri della Compagnia di Fabriano. Un’operazione che ha fatto scattare le manette ai polsi di un fotografo amatoriale 72enne residente a Genga e un fotografo professionista 35enne residente a Macerata (leggi l’articolo). Si tratta di due diverse operazioni, ma che riguardano un ventaglio di reati comuni che comprende atti sessuali con minori, induzione alla prostituzione minorile, produzione di materiale pedopornografico, detenzione del medesimo materiale e anche, per uno dei due, violenza sessuale ai danni di minore con l’aggravante di aver abusato della condizione di inferiorità psichica indotta dall’abuso di sostanze alcoliche. Gli episodi contestati di violenza su minore sono due.

L’indagine è partita a fine estate 2017 grazie alla segnalazione di una madre di Fabriano insospettita dal continuo chattare della propria figlia minorenne e dall’improvvisa disponibilità di denaro. Dopo aver provato ad avere giustificazioni dalla figlia, non ha chiuso gli occhi, ma si è rivolta ai carabinieri della Compagnia di Fabriano. Il fascicolo di indagine, in origine, riguardava sette persone, residenti in più zone delle Marche. Si è arrivati alla misura cautelare degli arresti per i due fotografi per il rischio di reiterazione dei reati e inquinamento delle prove, perché entrambi – nonostante le perquisizioni domiciliari durante le quali sono stati rinvenuti centinaia di foto e alcuni video, che ritraevano le ragazze in pose osé – hanno continuato nella loro attività.

Complessivamente, sono una decina le ragazze minorenni adescate e fotografate con la promessa di inoltrare i book fotografici alle maggiori agenzie di modelle. Alle quali, ci sono da aggiungere almeno altrettante ragazze maggiorenni. Dunque, un fenomeno molto vasto che riguarda l’intero territorio regionale.

Domani mattina, 16 gennaio, è stato fissato l’interrogatorio di garanzia degli arrestati al Tribunale di Ancona, il 72enne è difeso dall’avvocato di Fabriano, Enrico Carmenati. Mentre il 35enne ha asusnto un legale di Macerata, Gianfranco Formica.