Riflessi e trasparenze per il Premio letterario “Luciano Pittori”

Un tema dalle innumerevoli ed affascinanti declinazioni per la terza edizione del concorso organizzato dal Comune di Castelplanio in memoria dell'ex sindaco. C’è tempo fino al 28 aprile ore 13 per concorrere al premio con racconti in lingua italiana, rigorosamente inediti, della lunghezza massima di 10 pagine

Sta avendo un buon riscontro la 3^ edizione del Premio Letterario “Luciano Pittori”, concorso di scrittura organizzato dalla Città di Castelplanio, per ricordare la figura di Luciano Pittori, ex sindaco di Castelplanio ed insegnante, scomparso nel 2013.

Dalle Marche e da varie regioni d’Italia stanno giungendo i racconti inediti ed originali quest’anno incentrati sul tema “Riflessi e Trasparenze”, soggetto dalle innumerevoli ed affascinanti declinazioni.

C’è tempo fino al 28 aprile per concorrere al premio letterario cui possono partecipare autori italiani e stranieri che abbiano compiuto il 18° anno di età. Si partecipa presentando al massimo tre racconti, in lingua italiana, rigorosamente inediti, della lunghezza massima di 10 pagine, pena l’esclusione dal Premio. Non sono ammessi scritti che siano stati premiati in altre iniziative o concorsi. I testi devono pervenire entro e non oltre le ore 13 – farà fede l’acquisizione al protocollo informatico del Comune – sia che si scelga l’invio tramite posta raccomandata, corriere, consegna a mano o via mail così come specificatamente indicato nel bando. Approfondimenti sul bando e modulo di partecipazione nella pagina ufficiale del Premio.

Saranno premiati i tre migliori racconti, selezionati dalla giuria tecnica presieduta dallo scrittore Vittorio Graziosi, docente di scrittura creativa, e composta inoltre da Luca Pantanetti, editor e agente letterario, dai giornalisti Francesco Cherubini e Simona Marini, e da Alessia Sebastiano in rappresentanza del Consiglio Comunale di Castelplanio. Ai vincitori andranno premi in denaro (al primo classificato 500 euro, al secondo 300 e al terzo 200), ed inoltre trofei artistici e targhe, opera dello scultore Massimo Ippoliti. La proclamazione dei vincitori sarà nel mese di luglio a Castelplanio, nel corso di una cerimonia di premiazione tra musica e letteratura che si terrà nell’incantevole Chiostro dell’Abbazia di San Benedetto de’ Frondigliosi. 

Le migliori opere che hanno concorso alle prime tre edizioni del Premio intitolato a Luciano Pittori entreranno a far parte di una antologia letteraria che sarà pubblicata dal Comune di Casteplanio. Nella scorsa edizione, incentrata sul tema “Bellezza e mistero”, sono stati premiati “Le stelle dell’orsa” del maceratese Marco Ricci primo classificato, secondo classificato “Un cuore accordato” di Morena Ambrosini da Ostra, terza classificata Maria Nives Piazza da San Paolo di Jesi con il racconto “Lungo il sentiero del Granchio Nero”. Per la prima edizione, sul tema “Storie di Marche”, primo classificato “La Tara” di Maximiliano Cimatti di Rosora, secondo “Malinverno” di Gabriele Barchiesi di Jesi, terzo “La vite spanata” di Giovanni Rupi di Arezzo, con una menzione Speciale al racconto “Viaggio nelle Marche” di Fabiana Taddeucci di Lucca.