Le sorelle Balanas e la Form a Jesi

Sul palcoscenico del teatro Pergolesi le sorelle lettoni Balanas, la violinista Kristine e la violoncellista Margarita. Con loro l'Orchestra Filarmonica Marchigiana diretta da Alessandro Cadario

Il loggione del Teatro Pergolesi

JESI – Quattro concerti in Italia. Uno a Jesi, venerdì 25 gennaio (ore 21). Sul palcoscenico del teatro Pergolesi le sorelle lettoni Balanas, la violinista Kristine e la violoncellista Margarita. Con loro l’Orchestra Filarmonica Marchigiana diretta da Alessandro Cadario. E a Jesi, per la prima volta, porte aperte al pubblico durante le prove di giovedì 24.

Kristine Balanas è stata descritta dal “Times” come musicista di “strabiliante virtuosismo”, uno dei migliori talenti in ascesa sulla scena internazionale. Recentemente è stata riconosciuta come Giovane artista dell’anno dal Grand Music Awards del suo Paese d’origine. Dopo i concerti con l’Orchestra Filarmonica Marchigiana debutterà nella Berliner Philharmonie con Das Sinfonie Orchester Berlin e successivamente con la Royal Philharmonic Orchestra. La sorella Margarita è una delle artiste più entusiasmanti e versatili della sua generazione. Anche per lei, importanti debutti dopo quello con la FORM: alla Berliner Philharmonie e alla Laeiszhalle di Amburgo.

Margarita e Kristine Balanas al teatro Pergolesi

Alessandro Cadario è direttore ospite principale dal 2016 dell’Orchestra I Pomeriggi Musicali di Milano. Tra i numerosi concerti e le prestigiose collaborazioni, è stato scelto dalla Presidenza del Senato per dirigere il concerto natalizio del 2017 nell’Aula del Senato, mentre nel 2018 ha debuttato nella stagione sinfonica del Teatro Mariinsky di San Pietroburgo e del Teatro Regio di Torino.

Questa la scaletta dell’esibizione: doppio concerto per violino, violoncello e orchestra in la min., op. 102 di Brahms, capolavoro che fa emergere segrete “affinità elettive” fra i solisti e l’orchestra; il toccante brano di Fabio Vacchi Dai Calanchi di Sabbiuno, scritto in memoria dell’eccidio dei partigiani presso Sabbiuno di Paderno nell’Emilia; la Sinfonia n. 8 in fa magg., op. 93 di Beethoven, originale, imprevedibile commistione di leggerezza e di potenza, di grazia e di forza.

A Jesi è anche prevista, grazie alla collaborazione con la Fondazione Pergolesi Spontini, per la prima volta in assoluto la prova aperta “Come nasce un concerto”, giovedì 24 gennaio dalle 18 alle 19.15. L’ingresso a questo speciale ed unico evento costa 2 euro.

Le date degli altri concerti nelle Marche sono: domenica 27 gennaio al Rossini di Pesaro (ore 18), martedì 29 gennaio al Lauro Rossi di Macerata (ore 21) e mercoledì 30 gennaio a I Filarmonici di Ascoli Piceno (ore 21).

Info FORM: 071/206168; info@filarmonicamarchigiana.com.