Università di Macerata, una giornata per la memoria

Nell’ambito delle celebrazioni per la ricorrenza, l'auditorium Unimc ospiterà Clelia Piperno, docente di Diritto Costituzionale all’Università di Teramo e l'artista Luca Violini

Clelia Piperno, docente di Diritto Costituzionale all’Università di Teramo e direttrice del Progetto Traduzione del Talmud Babilonese

MACERATA- Una giornata in memoria di sei milioni di ebrei uccisi dallo sterminio nazifascista e, insieme, delle vittime di ogni sterminio avvenuto su base razziale, sessuali, etnica, religiosa.

Nell’ambito delle celebrazioni per il Giorno della Memoria, lunedì 18 febbraio il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Macerata ha organizzato un evento, sotto la responsabilità scientifica e organizzativa della professoressa Clara Ferranti: «L’intento è quello di costruire nuove generazioni che sappiano rimanere solide e integre dinanzi al male e al disumano e capaci di opporsi ad ogni forma di violenza e di sopruso dei diritti umani e civili».

L’Auditorium Unimc ospiterà Clelia Piperno, docente di Diritto Costituzionale all’Università di Teramo e direttrice del Progetto Traduzione del Talmud Babilonese, che interverrà con una relazione dal titolo “Destinatario sconosciuto”.

Insieme alla relatrice, sarà presente anche l’artista e doppiatore cinematografico Luca Violini, con la lettura di testi tratti dal romanzo epistolare “Destinatario sconosciuto” di Katherine Kressman Taylor.

Oltre a tutti gli interessati, sono invitate a partecipare le scuole. Per maggiori informazioni possono contattare la professoressa Clara Ferranti: ferranticlara@gmail.com, o Nicola Santoni: n.santoni1@studenti.unimc.it.