Truffati Banca Marche, prima vittoria dal Giudice di Pace di Macerata

L’investitore aveva perso i risparmi a seguito dell’azzeramento delle azioni a causa del fallimento dell'istituto di credito jesino. Ubi Banca dovrà risarcire il danno

Il logo di Banca delle Marche

Arriva la prima vittoria dal Giudice di Pace di Macerata per gli ex azionisti Banca Marche. Il Giudice di Pace di Macerata ha infatti condannato Ubi Banca a risarcire ad un azionista la somma investita in azioni Banca Marche e a rimborsargli le spese del processo. Si tratta della prima sentenza sul territorio favorevole ai truffati Banca Marche e fa seguito a numerose pronunce positive di altri Tribunali che si erano occupati delle quattro banche fallite nel 2015.

L’investitore aveva perso i risparmi a seguito dell’azzeramento delle azioni a causa del fallimento della Banca delle Marche. Il Giudice di Pace di Macerata ha dichiarato che è Ubi a dovere risarcire il danno agli azionisti in quanto ha acquisito Nuova Banca delle Marche a sua volta subentrata alla vecchia Banca Marche.

«La causa è stata patrocinata dall’avvocato Diomede Pantaleoni legale dell’Adiconsum Marche. L’Adiconsum da sempre dalla parte degli azionisti ha deciso sin da subito di seguire la strada della causa civile nei confronti di Ubi Banca e prima ancora di Nuova Banca Marche, patrocinando un numero elevatissimo di cause civili sul territorio regionale. L’Adiconsum ha preferito seguire la via del contenzioso civile contro Ubi Banca rispetto ad altri che hanno deciso di intraprendere un percorso in sede penale nei confronti degli ex amministratori della Banca, strada che, al momento, non ha portato ad alcun concreto risarcimento», spiega Francesco Varagona, presidente Adiconsum Marche.

L’Adiconsum è a disposizione in tutte le sue sedi provinciali per assistere i risparmiatori e consigliarli su come tutelare i propri diritti in materia di risparmio.