Porto Recanati, i carabinieri acciuffano ladro seriale. Marocchino clandestino finisce nei guai

L'uomo, tra il 26 febbraio e il 6 marzo, si era reso responsabile del furto di un I Phone da 700 euro e di una bicicletta del valore di 1.700 euro. È stato individuato grazie ai filmati della video sorveglianza

Carabinieri
Carabinieri

PORTO RECANATI – Pensava di agire indisturbato nella zona di Porto Recanati mettendo a segno i suoi furti, ma non aveva ancora fatto i conti con i carabinieri della Compagnia di Civitanova Marche che lo hanno individuato e denunciato.

Il ladro seriale, un marocchino 33enne, clandestino e già noto alle forze dell’ordine per numerosi reati, si era reso responsabile del furto di un I Phone del valore di 700 euro.
Il colpo era avvenuto nella serata del 6 marzo scorso in una pizzeria di Porto Recanati. Il ladro, approfittando di una momentanea distrazione del proprietario del locale, si era intascato il suo cellulare.

L’uomo con una lunga serie di furti all’attivo aveva messo a segno anche un altro colpo in zona. Lo scorso 26 febbraio, infatti, aveva agito all’interno di un negozio di biciclette. Anche qui approfittando della distrazione del titolare aveva rubato una bici, di quelle esposte all’ingresso del negozio. del valore di 1.700 euro. Però non aveva fatto i conti con l’impianto di video sorveglianza che lo aveva ripreso, né tanto meno con la bravura dei carabinieri che, guidati dal maggiore Enzo Marinelli, lo hanno individuato e denunciato all’Autorità Giudiziaria.