Nuova tecnologia per la radioterapia

L'apparecchiatura di ultima generazione, ora in funzione in Ancona, rende possibile effettuare il centraggio radioterapico anche su pazienti obesi o portatori di protesi metalliche che finora erano tecnicamente di difficile gestione e spesso non potevano beneficiare della radioterapia

ANCONA- Si chiama TC simulatore Aquillon One Toshiba, l’apparecchiatura di ultima generazione dedicata ai pazienti affetti da tumore che devono essere sottoposti al trattamento radioterapico, acquistata dall’Azienda Ospedali Riuniti, con il prezioso contributo della fondazione Cariverona. Entrata in funzione a gennaio, permette di acquisire immagini TC indispensabili per l’individuazione del volume bersaglio, gli organi a rischio e per il calcolo della distribuzione di dose da erogare.

Visita Radioterapia

Si tratta di caratteristiche tecniche innovative che rendono possibile effettuare il centraggio radioterapico anche su pazienti obesi o portatori di protesi metalliche che finora erano tecnicamente di difficile gestione e spesso non potevano beneficiare della radioterapia. Il costo di questa apparecchiatura è di 683mila euro, 400 dei quali stanziati dalla Fondazione Cariverona. L’Azienda Ospedali Riuniti ha infatti destinato 7milioni di euro per il rinnovamento del parco tecnologico.

C’è poi la Tomoterapia, macchina di ultima generazione già in esercizio clinico da tre anni per il trattamento elicoidale delle immagini in Radioterapia. Eroga trattamenti a 200 pazienti l’anno lavorando 12 ore al giorno. In Italia, solo 27 centri su 150 ne sono dotati. Dunque, per i pazienti affetti da tumore ci sono nuove frontiere di cura. In Italia l’incidenza dei nuovi tumori/anno è di 6/1000 abitanti. Si stima che non meno del 50% di questi pazienti avrà necessità di ricorrere ad un trattamento di radioterapia nel percorso terapeutico. Le Marche con 1.500.000 abitanti necessitano di oltre 4.500 trattamenti per anno (+10% ritrattamenti). Ad Ancona il centro di radioterapia è attivo dal 1960,nel 2016 sono state trattati 1374 pazienti con i vari macchinari a disposizione.