Non fa entrare la bambina al catechismo, arriva la polizia in chiesa

È successo ieri pomeriggio a Collemarino di Ancona, alla parrocchia San Pio X. A chiamare le forze dell'ordine è stata la mamma di una 13enne. Il parroco l'ha lasciata fuori perché sarebbe troppo vivace e disturba

L'arrivo della polizia in chiesa a Collemarino

ANCONA – Bambina lasciata fuori dalla lezione di catechismo, la madre chiama la polizia.

Pomeriggio movimentato quello di ieri, in piazza Torricelli, a Collemarino, quando poco prima delle 16 è arrivata alla chiesa di San Pio X una pattuglia delle volanti con due agenti. Il parroco, don Claudio Merli, era in una stanza a fare catechismo ad alcuni bambini che il 25 novembre faranno la cresima.

Tra loro doveva esserci anche una 13enne che però non ha fatto entrare. «Lei non entra», avrebbe detto don Claudio quando ha visto varcare la porta la bambina con davanti la madre. La donna aveva accompagnato la figlia a catechismo. Nell’incontro precedente dei bambini con il parroco, sempre in una lezione di catechismo fatta la settimana scorsa (il 30 ottobre), la 13enne era stata fatta uscire dalla stanza.

Stando a quanto riferito dalla bambina alla madre, il parroco l’avrebbe presa per i capelli per portarla fino fuori sul piazzale della chiesa. Il motivo? La bambina avrebbe disturbato la lezione e non era attenta. Una classe vivace quella seguita da don Claudio che è stata presa in consegna da settembre. Prima c’erano le catechiste a seguire i bambini ma avrebbero chiesto l’intervento del parroco perché la classe dava dei problemi. «Mia figlia mi ha telefonato – racconta la madre della bambina di 13 anni – dicendomi che il parroco l’aveva mandata fuori e l’aveva presa per i capelli. Questo non va bene. Quel giorno sono andata a prenderla e ho cercato di parlare con don Claudio ma lui ha alzato la voce».

Così alla lezione di ieri la mamma ha riaccompagnato la figlia a catechismo. «Non l’ha fatta entrare – prosegue la mamma – io ero disposta anche a rimanere alla lezione se il problema è che è vivace così vedevo cosa fa mia figlia ma il parroco ci ha chiuso la porta in faccia».

Fuori dalla parrocchia sono rimasti anche altri bambini che erano dietro alla mamma con la 13enne e che dovevano entrare ma non ci sono riusciti. Alla lezione hanno assistito in pochi, solo quelli che erano entrati prima che nascesse la discussione tra la mamma e il parroco.

La polizia è riuscita ad entrare in parrocchia e ha preso le generalità del parroco e poi anche della mamma della bambina che ha riferito agli agenti l’episodio della settimana scorsa. Stando a don Claudio le cose sarebbero andate diversamente. La mamma sarebbe stata avvisata che la bambina non poteva fare la lezione perché troppo vivace e di disturbo. Per lei il parroco aveva suggerito di fare lezione separatamente dal resto della classe, portando se voleva anche qualche amichetta, ma con la famiglia non si è raggiunto un accordo.