Giorno di San Lorenzo di super lavoro per i carabinieri

Doppio tentato suicidio sventato dalla bravura dei militari delle stazioni e della Compagnia di Fabriano. Il primo episodio è avvenuto ad Arcevia, il secondo a Sassoferrato

FABRIANO – Giorno di San Lorenzo di grande lavoro per i carabinieri della Compagnia di Fabriano. Doppio tentato suicidio sventato dall’abilità dei militari.
Il primo episodio è avvenuto nella tarda mattina ad Arcevia. Protagonista un 30enne operaio che aveva perso, nei giorni precedenti, il lavoro. Non ha accettato questa situazione ed è andato sopra l’acquedotto di Arcevia, sul ciglio della struttura, minacciando di gettarsi di sotto. Alcuni passanti hanno notato la situazione ed hanno immediatamente allertato i soccorsi. Sul posto sono prontamente giunti gli operatori della polizia municipale di Arcevia, i carabinieri della locale stazione e un’ambulanza del 118. Gli agenti e i carabinieri, parlando con il giovane, sono riusciti a farlo desistere dal proprio proposito. Quindi lo hanno portato in ospedale per sottoporlo a controlli.

Qualche ora più tardi, ma a Sassoferrato nuova emergenza. Un 46enne residente in una frazione ha litigato in modo molto acceso con la propria compagna. L’uomo è uscito di casa, sbattendo la porta e manifestando propositi suicidi. La compagna, molto preoccupata, ha subito allertato le Forze dell’Ordine. I carabinieri della stazione della città sentinate hanno iniziato le ricerche in tutti i luoghi suggeriti dalla compagna. L’uomo è stato trovato, dopo qualche minuto, davanti all’ingresso dell’ospedale Sant’Antonio Abate di Sassoferrato, ferito. Il 46enne, infatti, si era conficcato un coltello nell’addome per farla finita. Evidentemente deve averci ripensato e da solo ha provato a raggiungere il presidio ospedaliero di Sassoferrato.

I sanitari hanno disposto l’immediato trasporto all’ospedale Engles Profili di Fabriano. Qui, l’uomo è stato sottoposto a tutti gli accertamenti strumentali del caso. Fortunatamente, la ferita era abbastanza superficiale. È stato suturato e dimesso dopo qualche ora in osservazione. Il motivo del suo tentato suicidio, il forte litigio avuto con la compagna.