Forma­_Marche Big Band, a Pesaro nuove opportunità formative grazie alla sinergia pubblico-privato

Il comune costiero ha vinto un bando per 270.000 euro. Coprirà tutte le esigenze formative del territorio, su indicazione della Regione. Primo risultato di amministrazione comunale accreditata come ente di formazione

PESARO – Il comune di Pesaro, Co.meta srl uni personale, ente di formazione professionale e società di consulenza (capofila del partenariato), insieme ai partner Lacam di Matelica, Unirama di Osimo, “l’Africa Chiama” Onlus e CSF Formazione hanno proposto il progetto “Forma­_Marche Big Band linea 2”, che ha ottenuto il finanziamento della Regione Marche. Ma  la rete è ampia, sono 40 i soggetti coinvolti.

Il bando prevede un copertura finanziaria di  € 270.000  e una durata temporale di due anni, 2018 e 2019.

«E’ una grande opportunità per favorire incontro tra domanda e offerta di lavoro – ha precisato l’assessore alla gestione Antonello Delle Noci –  e di fare rete tra enti pubblici e soggetti privati qualificati. Proprio ieri (12 giugno) la Giunta comunale ha approvato lo schema di avviso per una manifestazione di interesse rivolta a imprese e professionisti.  Potranno  collaborare con l’ufficio Sviluppo e Opportunità del comune di Pesaro. Sarà così creata una short list di soggetti interessati a parternariati coordinati dal comune di Pesaro per partecipare a bandi e opportunità dell’Unione Europea ma anche nazionali e  regionali».

Per il progetto “Forma­_Marche Big Band linea 2, Comune di Pesaro e i partner del progetto dovranno costituire un ATS (associazione temporanea di scopo), e “just in time”, appena ricevute indicazioni dalla Regione Marche, organizzare l’offerta formativa per Pesaro da settembre in poi.

«È una sperimentazione a livello regionale – sottolineano Erika Landini e Giulio Gabrielli  di Co.meta sr, i partner sono circa 40, questo è il valore aggiunto del progetto che copre tutto il territorio regionale e il complesso dei fabbisogni formativi».

I partner sono enti accreditati che operano nel settore della formazione professionale, in stretto rapporto con il mondo del lavoro e istituzioni pubbliche e private, interlocutori diretti dei fabbisogni aziendali delle piccole e medie imprese del territorio marchigiano.

Il progetto è un piano di azione organico e funzionale con l’obiettivo di garantire una pronta risposta all’attuazione e gestione di interventi formativi sul territorio regionale, variegata ed ampia. Mira dunque a incrementare conoscenze, capacità e competenze per la crescita professionale. Garantendo ai target un accesso universale e permanente alle azioni formative per l’acquisizione o l’aggiornamento delle competenze nella società della conoscenza, capacità d’inserimento professionale e di adattamento in considerazione dell’elevato tasso di disoccupazione strutturale dei lavoratori meno qualificati.

Propone poi contesti e metodi efficaci d’insegnamento e di apprendimento per un’offerta formativa per l’intero arco della vita.
L’organizzazione dei corsi partirà da settembre. La Regione espliciterà le necessità che saranno comunque sulla base di linee guida già stabilite ecco quali: sostegno manifattura, sostegno digitale, economia sociale. Quindi tre macroaree e un target  18-65 anni, a cui si possono rivolgere i corsi.