Tirreno Adriatico a Jesi, ecco tutti gli eventi

Dalla mostra di bici e maglie d'epoca a Palazzo dei Convegni al ricordo di Michele Scarponi col coinvolgimento del Liceo Artistico Mannucci. Ma ci sono anche percorsi e gimkane sui pedali per i bimbi e un concorso fotografico

La mostra di bici e maglie d'epoca a Palazzo dei Convegni

JESI – L’arrivo a Jesi della Tirreno Adriatico lunedì prossimo 18 marzo è accompagnato dalla serie di eventi organizzati e coordinati dal Comitato tappa cittadino. A Palazzo dei Convegni sarà aperta appunto fino a lunedì prossimo la mostra di biciclette e maglie da corsa d’epoca (orario 10,30-12,30 e 17-20). Esposti pezzi dagli anni ‘20 agli anni ’50 del secolo scorso ma anche un risciò, foto e una tela raffigurante Michele Scarponi alla guida dello stesso risciò insieme a due ragazzi, studenti del Liceo Artistico Mannucci di Jesi. E’ il ricordo della giornata in cui l’Aquila di Filottrano “inaugurò” al Manucci il risciò a pedalata assistita, creato dal professor Alessandro Belardinelli per permettere ai ragazzi con disabilità di fare attività fisica all’aperto.

Sulla pagina Fb della Fondazione Michele Scarponi, è il fratello di Michele, Marco, a ricordare: «Che giornata! Michele venne in bicicletta con la divisa della Lampre e fu veramente un grande! Salì sul risciò con i ragazzi, portò un’aria di festa incredibile. Io lavoravo lì come educatore e l’ammiravo. Cavolo se l’ammiravo! Fu splendido! Che super fratello! Quando ripartì in bici per proseguire l’allenamento lasciò dietro di sé volti sorridenti e occhi sgranati. Questo era Michele, un fratello. Venite a vedere la mostra!».

Il programma prevede poi domenica 17 marzo, con ritrovo alle 9,30 e partenza alle 10, gimkana e percorsi in bicicletta per i bambini in piazza della Repubblica, a cura dell’Associazione Sportiva Pedale Chiaravallese. Lunedì 18 alle 13,30 poi, prima della tappa, sfilata di giovani ciclisti lungo viale della Vittoria in preparazione dell’arrivo. Gli studenti del Mannucci al passaggio del gruppo realizzeranno, in impianti sportivi adiacenti il percorso, animazioni e gigantografie ideali per le riprese tv dall’alto.

C’è poi il concorso fotografico aperto a tutti organizzato dai fotografi di Jesi e Confartigianato, “Scatta la tappa”. Le foto saranno valutate da una giuria composta dai fotografi ideatori del concorso (Candolfi, Ubaldi, Giaccaglini, D’Ascanio, Binci, Photo in) che attribuirà tre premi a quelle giudicate migliori. Previsti riconoscimenti speciali al più giovane partecipante, al “più lontano”, alla foto più curiosa. Il materiale dovrà pervenire entro il 30 marzo presso gli studi fotografici che hanno promosso il concorso. Le opere selezionate saranno esposte dal 28 aprile al 15 maggio presso le sale di Palazzo Bisaccioni a Jesi. La partecipazione ha un costo di 10 euro ed è aperta a tutti gli amanti della fotografia. Info e regolamento su www.confartigianatoimprese.net e presso tutti gli studi fotografici aderenti all’iniziativa.