Coldiretti, le Marche della biodiversità a Roma: «Perse tre varietà di frutta su quattro»

Nella tre giorni ospitata al Circo Massimo da venerdì 5 a domenica 7 ottobre la nostra regione ci sarà con 34 aziende, di cui 19 dell’area del terremoto, presenti al mercato di Campagna Amica. Ad oggi i Sigilli marchigiani sono 23 tra animali, ortaggi e frutta

In Italia sono scomparse dalla tavola tre varietà di frutta su quattro nell’ultimo secolo, anche per effetto dei moderni sistemi della distribuzione commerciale che privilegiano le grandi quantità e la standardizzazione dell’offerta. È quanto afferma la Coldiretti Marche in occasione dell’inaugurazione del Villaggio contadino a Roma, dove è stata aperta per tutto il week end una vera e propria Arca di Noè dove scoprire i cibi, le piante e gli animali salvati dall’estinzione grazie al lavoro di generazioni riconosciuto e sostenuto dai “Sigilli” di Campagna Amica.

«Si tratta della più grande opera di valorizzazione della biodiversità mai realizzata in Italia – sottolinea la Coldiretti – che può essere sostenuta direttamente dai cittadini nei mercati a chilometri zero degli agricoltori e nelle fattorie, una mappa del tesoro che per la prima volta è alla portata di tutti». Ad oggi i Sigilli marchigiani sono 23 tra animali, ortaggi e frutta. Negli stand marchigiani è possibile trovare, ad esempio, la mela rosa dei Sibillini e la mela del Papa, l’antico grano autoctono jervicella – colorato e profumato – o il farro monococco, dalla massima digeribilità per il basso contenuto di glutine.

Campagna Amica

Le Marche della biodiversità sono in mostra a Roma nella tre giorni del Villaggio Coldiretti ospitato al Circo Massimo con 34 aziende, di cui 19 dell’area del terremoto, presenti al mercato di Campagna Amica. Da venerdì 5 a domenica 7 ottobre sono previsti 2 milioni di visitatori con Coldiretti Marche che ha mobilitato il mondo agricolo marchigiano: sono previste circa 4000 presenze dalla nostra regione nella tre giorni. Sui banchi della vendita diretta ci saranno anche vino e olio extravergine di oliva, cipolla rossa, mela del Papa, mela rosa dei Sibillini, i tradizionali vini e distillati di visciola, la sapa e il vino cotto, la cicerchia e i legumi, le confetture, il miele e lo zafferano. Oltre al mercato di Campagna Amica saranno attive anche un’enoteca e un’oleoteca. Nella prima si potranno degustare Lacrima di Morro d’Alba, Conero docg e Rosso Conero doc e Verdicchio dei Castelli di Jesi classico e riserva. Nella tenda dedicata all’olio saranno invece esposti e pronti alla degustazione oli extravergine di oliva Dop e Igp, bio, monovarietali marchigiane ma anche olive fresche e una sezione dedicata al packaging originale ed innovativo.

Un assaggio di Marche per promuovere le produzioni regionali ma anche per raccontare un territorio, farlo conoscere e apprezzare, farlo diventare meta di un viaggio. Anche perché a fianco alle produzioni ci sarà spazio anche per le tradizioni artigiane e il folclore, con le esibizioni itineranti dei figuranti della Cavalcata dell’Assunta di Fermo e dei balli tradizionali dei Pistacoppi di Macerata, oltre agli intrecciatori di cappelli di paglia di Montappone e gli intagliatori di legno dei boschi dei Sibillini.