“Un’Altra Idea di Città”: a breve la scelta del simbolo e del candidato sindaco

Il 5 febbraio, all'Informagiovani, si terrà la prossima assemblea del movimento civico. Durante l'incontro saranno eletti i portavoce del movimento, saranno votate le linee guida programmatiche e sarà scelto il simbolo

Assembela pubblica “Un'altra idea di città, 2018-2023. Per la rinascita di Ancona: una piattaforma politica e civica”
Assembela pubblica “Un'altra idea di città, 2018-2023. Per la rinascita di Ancona: una piattaforma politica e civica”

ANCONA – Prosegue il cammino intrapreso dal movimento civico “Un’Altra Idea di Città“. Dopo la partecipata giornata del 20 gennaio, che ha visto discutere e confrontarsi oltre cento anconetani che hanno decico il coordinamento del nuovo soggetto politico, i mezzi e i metodi della partecipazione, lunedì 5 febbraio alle ore 17, presso la sala dell’Informagiovani in Piazza Roma, si terrà la prossima assemblea degli aderenti al movimento.

Assemblea "Un'altra idea di città"
Assemblea “Un’altra idea di città”

Il 5 febbraio saranno eletti i portavoce del movimento, saranno votate le linee guida programmatiche e sarà scelto il simbolo che caratterizzerà “Un’Altra Idea di Città” durante tutta la campagna verso le elezioni comunali di maggio. «Tutto sarà deciso tramite il metodo del consenso – dichiara il coordinamento – e, se necessario, con delle libere votazioni secondo il principio “una testa, un voto”. Sovrana è e sarà l’assemblea degli aderenti che avrà l’ultima parola su ogni decisione da prendere: ad oggi gli aventi diritto al voto sono 122 la cui adesione al percorso è avvenuta entro il 20 gennaio, mentre tutti coloro i quali vorranno aderire entro il 5 febbraio acquisiranno il diritto di voto a partire dall’assemblea del prossimo 16 di febbraio e così via di assemblea in assemblea».

Il nuovo soggetto politico è costituito da: assemblea, organo sovrano, deliberante, che decide democraticamente con il metodo del consenso; coordinamento, organo esecutivo con modalità operative e politiche, su mandato dell’assemblea; a garanzia dell’assemblea si elegge ogni volta un collegio di garanti. Il coordinamento è formato da: Loretta Boni, Vinicio Cerquetti, Valerio Cuccaroni, Loredana Galano, Samuele Gherardi, Luciano Mariani, Katya Mastantuono, Luca Paciello, Barbara Paradiso, Riccardo Picciafuoco, Giuseppe Postacchini, Francesco Rubini, Stefano Tenenti e Tiziana Tommasi.

Assemblea “Un’altra idea di città”

Un’altra idea di città” avanza, dunque, a passi spediti verso la formalizzazione della sua partecipazione alle prossime elezioni amministrative. «Lo fa coltivando un percorso partecipato mai visto in città – scrive il coordinamento – siamo aperti al dialogo e al confronto con quanti vorranno condividere un progetto di alternativa radicale all’attuale governo della città e alla destra, con un particolare occhio di riguardo ai tanti soggetti civici e associativi volenterosi di imprimere un cambio di passo all’amministrazione del capoluogo di regione. Nei loro confronti rimane vivo l’invito ad un confronto franco e aperto per la costruzione di una vera alternativa».

Il candidato sindaco sarà invece scelto nell’assemblea successiva del 16 febbraio. Il candidato «dovrà essere scevro da ogni autoritarismo e autoreferenzialità, dovrà essere credibile, rappresentativo del percorso e delle principali battaglie politiche, sociali e ambientali della città, capace di condurre una campagna elettorale del XXI secolo con il carisma, la preparazione e la forza per confrontarsi, dialogare e trovare la sintesi più avanzata».