Ripristino fondi periferie, Mancinelli: «Ora da accordo diventi legge»

Ieri, giovedì 18, l'intesa, raggiunta nella conferenza Stato-Regioni-Città. «È un buon risultato sapendo che partivamo da una situazione drammatica, sostanzialmente con la revoca dei finanziamenti», dice la prima cittadina di Ancona

Il sindaco Valeria Mancinelli

ANCONA – Il governo torna sui suoi passi e promette di ripristinare i fondi per il Bando delle periferie la cui sospensione aveva “acceso” gli amministratori locali che erano scesi sul piede di guerra (leggi l’articolo). Ieri, giovedì 18, l’intesa, raggiunta nella conferenza Stato-Regioni-Città. «L’accordo di ieri è un passo avanti positivo e di grande valore rispetto allo sconvolgimento che c’era stato con l’approvazione del decreto Milleproroghe. È un buon risultato sapendo che partivamo da una situazione drammatica, sostanzialmente con la revoca dei finanziamenti», dice la prima cittadina di Ancona Valeria Mancinelli.

Cher prosegue. «Quanto ottenuto scaturisce dalla mobilitazione che c’è stata in tutte le città da parte dei Comuni, dei sindaci e dei cittadini, frutto della mobilitazione che siamo riusciti a mettere in campo.Certo ci sono ancora dettagli importanti da capire, soprattutto bisogna che quell’accordo diventi legge, così come previsto anche dalla stessa intesa. Siccome però di sorprese in questi mesi ne abbiamo avute tante, diciamo che noi siamo soddisfatti ma aspettiamo di essere pienamente soddisfatti quando dall’accordo si passerà alla norma di legge che dovrà tradurlo in fatti concreti e con l’inserimento di esso all’interno della ormai prossima Finanziaria».

Per Ancona la somma complessiva raggiunge i 12 milioni di euro, finanziati dallo Stato a fondo perduto, attraverso il Bando Periferie, ai quali si sono aggiunti altri quattro milioni provenienti da Comune, Regione ed Erap per un investimento totale che raggiunge circa i 17 milioni di euro per cinque interventi di riqualificazione che riguardano la zona Archi-Palombella (ex Dreher, autostazione trasporto pubblico locale, ex Iacp via Marchetti, Piazza Crocefisso, viale di accesso Quartiere Archi).