Fritti e grigliate. Tutto pronto per “Ancona street food festival”

Quest’anno saranno oltre venti i food truck provenienti da tutta Italia per i tre giorni dedicati allo street food di qualità nell'area compresa tra il Varco San Primiano, l'Arco di Traiano e la Lanterna Rossa

Street Food Festival al Porto Antico (foto di repertorio)
ANCONA – Grigliate, fritti, bombette, olive ascolane, caciucco, moscioli, panelle e tante altre tipicità regionali tornano al Porto Antico di Ancona per la terza edizione dell’Ancona Street Food Festival. Quest’anno saranno oltre 20 i food truck provenienti da tutta Italia per sfamare le migliaia di visitatori che dopo le 12 mila presenze della scorsa edizione si prevedono ancora più numerosi. Al via venerdì 15 (dalle 18) fino a domenica 17.
L’evento dedicato al cibo di strada di qualità, organizzato dalla Raval Family, in collaborazione con Eventeria di Bologna, porterà in una delle zone più suggestive della città vere e proprie cucine su ruote, selezionate in base alla proposta gastronomica, al servizio e all’aspetto estetico. Qualche esempio, ci saranno il Birritrovo, con la sua succulenta e deliziosa carne affumicata, Streat Bacco Food Truck tra puccia pontina, porchetta di Ariccia, guanciale al pepe e tante altre sorprese, il Conero Street Food con le sue varianti di linguine al sugo rosso a base di moscioli, sugo bianco con calamari e pomodorini, sardoncini e paccasassi, tutta la Napoli del Fritto & Fritto.
Circondati dal mare, il Varco San Primiano, l’Arco di Traiano e la Lanterna Rossa, l’area restituita da poco alla città – tra le più suggestive di tutto il capoluogo dorico – accoglie il festival in una preziosa atmosfera storica grazie all’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale.
Il manifesto
«Il format si ispira a un’idea nata negli States e focalizzata sul Junk o Fast food, con le cucine che escono in strada per rivitalizzare i luoghi più belli delle città. Un fenomeno in crescita che sta prendendo piede in tutto il mondo, ma che qui viene declinato sul tipico e raffinato gusto italiano, con piatti gourmet e specialità tipiche locali. Ma oltre a mangiare bisognerà certamente anche bere. Ecco, quindi, un punto cocktail e tanta Forst, la birra prodotta in Val Venosta simbolo di tradizione e amore per la natura, con una promozione 2×1 sulla varietà bionda Kronen sabato e domenica dalle 12 alle 18», dicono gli organizzatori.
E poi la musica, quest’anno dedicata a tre temi diversi: una Back to the future Night con il rock’n’roll dell’Antonio Sergentone Live Band (venerdì), la serata dedicata al festival serbo di bande balcaniche Guca con i trombettisti della Zastava Orkestar (sabato) e i suoni cubani della Los Pimientas Orchestra per una Buena Vista Social Night in chiusura (domenica).
Per tutta la durata del festival saranno, inoltre, presenti stand dedicati all’artigianato e alle autoproduzioni a cura de La Banda della Magliaia, ​oltre a buskers e giocolieri. L’area bimbi curata di Dadi e Mattoncini farà, infine, divertire i più piccoli durante tutte le giornate.