Ubriaco a colazione, infastidisce i passanti e si avventa contro i poliziotti: in manette giovane marocchino.

Un 60enne anconetano stava passeggiando con la moglie in corso Garibaldi intorno alle 7 di mattina quando il 27enne ha iniziato a fare apprezzamenti poco educati nei confronti della donna. Alla reazione dell'uomo, il giovane lo ha preso a schiaffi e gli ha tirato il cappuccino sulla maglietta. Ha provato anche a colpire con calci e pugni gli agenti delle Volanti ma è stato fermato

polizia

ANCONA- Già ubriaco a colazione, infastidisce i passanti e si avventa contro i poliziotti. È finito in manette B.C., il marocchino di 27 anni che questa mattina (23 giugno) ha dato spettacolo nei pressi di un bar in corso Garibaldi. A chiamare la Polizia alle 7.15, un anconetano di 60 anni. L’uomo stava passeggiando con la moglie quando il giovane, palesemente ubriaco, ha iniziato a fare apprezzamenti poco educati nei confronti della donna.

Nonostante le risposte dei passanti, il giovane ha continuato imperterrito, costringendo il marito a chiamare il 113. Dopo aver preso un cappuccino al bar, il 27enne è uscito con la tazza in mano ed ha ripreso a fare commenti sgradevoli rivolti ai passanti e alla coppia che aveva incrociato poco prima.

Alla reazione del 60enne anconetano, il marocchino lo ha preso a schiaffi e gli ha tirato il cappuccino sulla maglietta. Sul posto nel frattempo sono giunte le Volanti.

Gli agenti hanno fermato il 27enne e un altro giovane che era in sua compagnia ma che non ha preso parte all’aggressione. Il marocchino ha provato a colpire i poliziotti con calci e pugni, è stato ammanettato e accompagnato in Questura, dove ha continuato ad essere aggressivo e minaccioso.

All’interno del suo zaino gli agenti hanno trovato e sequestrato un attrezzo da giardinaggio. Il marocchino, regolarmente residente ad Ancona, è stato arrestato per resistenza e violenza a P.U. e denunciato per rifiuto di generalità e porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere.