Lite per difendere un’amica, donna presa a bottigliate finisce in ospedale

È accaduto nella notte, in via Marchetti. Protagonisti tre stranieri e un'italiana di 28 anni che è rimasta ferita. Sul posto i carabinieri e la Croce Gialla

Foto di repertorio

ANCONA – Incontra per strada un’amica in compagnia di un ragazzo e credendola in difficoltà scatena un litigio che finisce a bottigliate. A rimetterci è stata una 28enne italiana finita in pronto soccorso. La donna era estranea ai fatti. Era in compagnia di un ragazzo boliviano, che attorno alle 3 di questa notte si è fermato in via Marchetti dove ha visto una sua amica peruviana, in compagnia di un iracheno.

Credendola in difficoltà è scoppiato un parapiglia, finito con l’italiana che ha rimediato una bottigliata in testa. Il trambusto ha fatto intervenire i carabinieri della stazione di Brecce Bianche che hanno identificato i presenti. Si procederà per querela di parte. La 28enne non ha riportato infatti lesioni gravi per far scattare una denuncia di ufficio. Per i soccorsi è intervenuta la Croce Gialla.