Conerobus rinnova la flotta: 30 nuovi mezzi attenti all’ambiente e ai cittadini

Gli autobus, concentrato di tecnologia, sono stati dotati anche di apposita segnaletica per aiutare le persone con problemi intellettivi. La sindaca di Ancona, Valeria Mancinelli, ha annunciato entro l'anno il bando per completare l'anello filoviario del centro. Obiettivo: «Fare della città di Ancona la capitale del trasporto elettrico»

Il taglio del nastro su uno dei nuovi mezzi della Conerobus
Il taglio del nastro su uno dei nuovi mezzi della Conerobus

ANCONA – Tecnologia, attenzione all’ambiente, alla sicurezza e ai disabili. Sui nuovi mezzi della Conerobus non manca proprio nulla. La flotta di 30 autobus nuovi di zecca è stata presentata stamane ad Ancona, in Piazza Cavour, nell’ambito di una giornata di festa con tour guidati gratuiti per scoprire le bellezze della città, giochi e trucca bimbi per i più piccoli. Presenti la sindaca di Ancona Valeria Mancinelli, fresca di riconoscimento quale primo cittadino del mondo, il presidente della Conerobus, Muzio Papaveri, il dirigente scolastico dell’Istituto d’Istruzione Superiore Einstein Nebbia, Gabriele Torquati, e la vicepresidente del Centro Papa Giovanni XXIII Giorgia Sordoni.

Uno dei nuovi mezzi

«Dopo molti anni era arrivato il momento di rinnovare la flotta – ha detto Muzio Papaveri – ora abbiamo 14 nuovi mezzi in servizio nell’ambito dei collegamenti extraurbani e 16 per gli urbani. Ultime tecnologie e rispetto dell’ambiente come primo elemento, oltre naturalmente al rispetto degli utenti e cittadini, perché i nuovi mezzi sono dotati di tutte le migliori tecnologie per quanto riguarda l’aspetto della sicurezza e per l’aiuto alle persone disabili». “Nessuno resta a piedi”, uno slogan, quello della Conerobus, che azienda e amministrazione comunale stanno di fatto concretizzando. I nuovi bus, urbani ed extraurbani, sono entrati in servizio ad inizio anno.
Papaveri ha poi ricordato l’avvio della bigliettazione elettronica regionale e le 50 nuove assunzioni a tempo indeterminato compiute nel 2018. Già dalla prossima settimana, ha annunciato, «il personale verrà ulteriormente incrementato con 6 nuovi dipendenti».

La sindaca Mancinelli al posto di guida
La sindaca Mancinelli al posto di guida

Un cammino virtuoso, quello intrapreso dalla Conerobus e dal Comune di Ancona verso la sostenibilità ambientale che, come ha annunciato la sindaca, proseguirà con il completamento dell’anello filoviario, così da consentire ai mezzi elettrici di transitare lungo la galleria e poter fare il giro completo del centro cittadino. «Per questo abbiamo previsto lo stanziamento a bilancio di circa 600mila euro. Stiamo andando avanti per la progettazione delle infrastrutture e per l’appalto dell’impianto. Obiettivo, come ha spiegato Valeria Mancinelli, quello di «fare della città di Ancona la capitale del trasporto elettrico».

La sindaca ha poi annunciato l’intenzione di voler realizzare nelle scuole, in collaborazione con i dirigenti degli istituti scolastici, campagne di sensibilizzazione volte alla prevenzione e al contrasto degli atti vandalici che negli ultimi tempi hanno avuto per oggetto i mezzi della Conerobus. Obiettivo della Mancinelli reperire fondi per rendere l’iniziativa stabile per tutta la durata dell’anno scolastico: «È un’emergenza che va affrontata – ha detto la Mancinelli – con sguardo lungo e iniziative concrete». La sindaca ha infine ricordato che l’azienda, che fino a poco tempo fa «sembrava sull’orlo del fallimento così come molte altre aziende di trasporti pubbliche», grazie «al lavoro costante e al rapporto di fiducia forte tra l’amministrazione comunale e il gruppo dirigente che abbiamo insediato alla testa di Conerobus, i risultati sono concreti».

Da sinistra Valeria Mancinelli, Muzio Papaveri, Sergio Talamonti, Giorgia Sordoni

I nuovi mezzi sono stati dotati anche di apposita segnaletica volta a migliorare la fruibilità alle persone con disabilità intellettive: «Segnali chiari e costruiti ad hoc» ha sottolineato la vicepresidente del Centro Papa Giovanni XXIII, Giorgia Sordoni che ha curato il progetto.

Il dirigente scolastico dell’Istituto d’Istruzione Superiore Einstein Nebbia, Gabriele Torquati ha posto l’accento sulla collaborazione con la Conerobus per il contrasto al vandalismo. Sono oltre 400 gli studenti dell’istituto di Loreto che utilizzano i mezzi: «Stiamo lavorando per far comprendere ai ragazzi l’importanza dei mezzi e alcuni di loro si sono anche offerti di agire da vigilantes all’interno dei bus e di intervenire in caso di condotte vandaliche».

Il presidente Papaveri a bordo di un nuovo bus

La flotta, dotata della migliore tecnologia in circolazione, ha anche un sistema automatico di spegnimento degli incendi e un dispositivo anti chiusura delle porte per evitare che le persone possano rimanere incastrate.

Cinque dei nuovi mezzi resteranno in Piazza Cavour fino alle 17, insieme all’autobus d’epoca recentemente restaurato, a disposizione delle persone che vorranno salirvi per il tour della città: partenza pomeridiana alle 15.30 e 16.30. Il tour delle 15.30 sarà effettuato con guida in lingua inglese.