Bomba day: sospesa la circolazione ferroviaria fra Falconara e Varano

La stazione di Ancona rientra nella zona rossa da evacuare e, domenica 20 gennaio dalle 9 alle 19 circa, i treni della Lunga Percorrenza saranno limitati a Falconara, Loreto, Civitanova e Pescara. Viva Servizi posizionerà distributori dell’acqua nei centri di accoglienza

ANCONA – Domenica 20 gennaio, dalle 9 alle 19, sarà sospesa la circolazione ferroviaria fra Falconara e Varano, sulla Linea Adriatica. Il provvedimento, disposto dalla Prefettura di Ancona, è necessario per consentire il disinnesco di un ordigno bellico della seconda guerra mondiale rinvenuto vicino alla stazione ferroviaria.

I treni regionali saranno cancellati fra Falconara e Ancona e tra Ancona e Varano. I treni della Lunga Percorrenza saranno limitati a Falconara, Loreto, Civitanova e Pescara. Per garantire la mobilità saranno a disposizione autobus sostitutivi tra le stazioni di Falconara e Varano/Loreto. A causa della contemporanea sospensione del traffico stradale, gli autobus sostitutivi non effettueranno la fermata ad Ancona. L’orario previsto per il termine delle attività potrà essere anticipato o posticipato, in base all’effettivo completamento delle operazioni programmate. Tutte le informazioni si possono trovare nelle stazioni, su trenitalia.com, su fsnews.it e rfi.it sezione Infomobilità.

Da sin. Chiara Sciascia e Patrizio Ciotti

Per limitare i disagi delle circa 12mila persone evacuate, la metà delle quali si recherà nei centri di accoglienza scelti dal Comune, Viva Servizi metterà a disposizione alcune colonnine per la distribuzione dell’acqua proprio nei centri di accoglienza. «L’obiettivo è offrire un servizio che limiti il disagio ed eviti l’accumulo di numerosi imballi di plastica come le bottiglie d’acqua – dichiara la presidente di Viva Servizi Chiara Sciascia – ne piazzeremo alcuni nei tre centri di accoglienza, ovvero negli impianti sportivi PalaPrometeo Estra di via Cameranense, PalaBrasili di via Cingolani a Collemarino e Palascherma di via Monte Pelago».

«Il 20 gennaio tutti i nostri servizi rimarranno invariati – spiega Patrizio Ciotti, direttore di Viva Servizi Spa – l’unica differenza è che nella zona rossa la reperibilità per riparazioni guasti sarà sospesa in quanto ovviamente non si potrà accedere al perimetro». Ciotti raccomanda ai cittadini che usciranno dalle proprie abitazioni di accertarsi «di aver chiuso correttamente tutti i rubinetti e che non vi siano apparecchi in funzione, tipo lavatrici o lavastoviglie. Per le zone della città non interessate dall’evacuazione procederemo a garantire il servizio come avviene sempre».

Bomba day: tutte le informazioni